Come risolvere i problemi di limite di memoria PHP in WordPress

Articolo scritto da:
  • WordPress
  • Aggiornato: Sep 05, 2017

WordPress è probabilmente il miglior sistema di gestione dei contenuti per blogger, imprenditori e proprietari di piccole imprese senza alcun background tecnico. Con l'aiuto di plugin, temi e una dashboard user-friendly, chiunque può costruire il sito dei propri sogni senza mai toccare il codice.

Ma quando gli utenti iniziano a uscire dalla loro zona di comfort ed esplorano le vere capacità di WordPress, potrebbero incontrare vari errori che potrebbero bloccarli dalla loro bacheca.

Se sei come me che costantemente bisticcio tra i componenti delle piattaforme che uso, allora incontrerai il temuto "schermo bianco della morte"- Almeno una volta durante il tuo tempo con WordPress.

Un evento comune potrebbe essere l'errore fatale della memoria PHP, che può essere innescato da qualcosa di semplice come l'installazione di un nuovo plugin. La causa di ciò, tuttavia, è quando un determinato componente del tuo sito WordPress utilizza più memoria di quanto permetta il tuo PHP.

Questo è più probabile che si verifichino su siti Web che spingono la loro allocazione delle risorse con immagini fantasiose, contenuti ricchi e plug-in. Un esempio è un sito di e-commerce, che consuma una tonnellata di dati e memoria per funzionare.

Fortunatamente, l'aumento del limite di memoria è una soluzione semplice che può risolvere la maggior parte, se non tutti, errori di memoria PHP esauriti. Ecco come farlo:

Accesso al tuo account di hosting

Prima di tutto, ci sono molti modi per accedere al cPanel del tuo account di hosting. Alcune aziende richiedono che tu acceda a un portale ufficiale, mentre altri richiedono solo l'aggiunta di "/ cpanel" nell'URL del tuo sito web.

Una volta arrivato alla pagina di accesso cPanel del tuo account di hosting, vai avanti e fornisci le tue credenziali.

Le tue credenziali di cPanel ti vengono inviate via email dal tuo provider di hosting durante la procedura di configurazione iniziale. Se si perde questo, è possibile contattare il servizio clienti per l'assistenza.

Al momento del login, dovresti vedere una schermata con sezioni per i file, i domini, il software del tuo server web e così via. Cerca l'icona 'File Manager' per procedere.

Le piattaforme cPanel più moderne hanno due aree generali nel file manager: un browser di cartelle e l'area principale di esplorazione. Se il tuo account di hosting ha più siti web, dovresti essere in grado di trovare le rispettive cartelle nel browser delle cartelle a sinistra. Cerca il sito Web che presenta il problema del limite di memoria PHP per visualizzarne il contenuto.

Nella cartella principale del tuo sito WordPress, cerca un file chiamato "wp-config.php". Qui è possibile aumentare manualmente la dimensione del limite di memoria PHP.

Prendi nota che - a seconda del tuo società di hosting - ci sono diversi modi per modificare i file nel tuo cPanel.

In questo particolare esempio, puoi selezionare 'Modifica codice' dal menu di scelta rapida o selezionare il file e fare clic su 'Editor di codice dalla barra degli strumenti principale.
Questo dovrebbe far apparire l'editor di codice su una nuova scheda. Per iniziare con la correzione, crea una nuova linea direttamente sotto il tag "<? Php", che dovrebbe trovarsi nella parte superiore del codice.

Mancia: La prima cosa che si può notare quando si ottiene l'errore fatale esaurito della memoria PHP è il percorso del file insieme al numero di riga corrispondente menzionato il messaggio di errore. Seguendo questo nel tuo file manager è una perdita di tempo dal momento che non traccia dove l'errore ha origine.

Per modificare il limite di memoria PHP, è sufficiente incollare una breve riga di codice:

define ('WP_MEMORY_LIMIT', '256M');

'M' sta per megabyte. Detto questo, il codice sopra indica a WordPress di elevare il limite di memoria PHP a 256 MB, che dovrebbe essere più che sufficiente a garantire il normale funzionamento della maggior parte dei siti Web, anche per i negozi online.

I codici appena aggiunti devono essere evidenziati in blu. Dopo aver aggiunto il codice al tuo file wp-config.php, fai clic sul pulsante Salva. È tutto, vai avanti e aggiorna il tuo sito WordPress per vedere se il problema di memoria PHP è stato risolto.

Disabilitare i plugin

Se la soluzione di cui sopra non ha risolto il tuo problema, la prossima cosa che puoi provare è disattivare i plugin e riattivarli uno alla volta. Senza accedere al tuo pannello di WordPress, puoi completare questo passaggio attraverso il file seguendo le istruzioni di seguito.

Per prima cosa, torna al tuo sito Web WordPress tramite il file manager e vai a "wp-content" e cerca la cartella "plugins".

Il tuo obiettivo qui è rendere questa directory inaccessibile alla tua installazione di WordPress. Per fare ciò, basta rinominare la cartella dei plugin in qualsiasi cosa tu voglia. Per il bene di questa guida, chiamiamo la nuova cartella "plugins.old".

Se un plugin causa problemi di esaurimento della memoria PHP, dovresti essere in grado di accedere nuovamente al tuo pannello di WordPress.

Vai a 'Plugin'> 'Plugin installati' per vedere questa pagina.

Ora, torna al tuo file manager e ripristina il nome della cartella 'plugins.old' in 'plug-in'.

Aggiorna il dashboard di WordPress per eseguire nuovamente la scansione di tutte le cartelle di sistema. Se hai seguito correttamente tutti i passaggi sopra riportati, dovresti riavviare tutti i tuoi plug-in - solo che questa volta verranno disattivati.

Per capire quale plugin causa il problema, riattiva tutti i plugin uno per uno fino a quando il tuo cruscotto non smette di funzionare nuovamente. Non preoccuparti; puoi facilmente recuperare l'accesso ripetendo il processo di rinomina. Tuttavia, una volta fatto, non riattivare il plug-in problematico e contattare l'editore per una possibile soluzione.

Ripristino del tema predefinito

Infine, se si sospetta che l'errore di esaurimento della memoria PHP sia causato da un nuovo tema, è possibile risolverlo ripristinando il tema predefinito.

Puoi farlo navigando su "wp-content"> "temi" nel file manager di cPanel ed eliminando la cartella del tema attualmente attivo. Ricordati solo di creare un backup scaricandolo prima di farlo.

Prendi nota che la ridenominazione della cartella non funzionerà perché WordPress rileverà ancora i file del tema. Ma se si elimina la cartella del tema, WordPress sarà costretto a ripristinare il tema predefinito. Saprai se il processo ha funzionato se riesci ad accedere nuovamente alla tua dashboard.

Come utente di WordPress, la risoluzione dei problemi è una delle abilità cruciali che devi imparare per sopravvivere e crescere.

Ecco un altro post utile che può aiutarti a risolvere alcuni problemi con questo sistema di gestione dei contenuti. Buona fortuna e buon divertimento!

Informazioni su Christopher Jan Benitez

Christopher Jan Benitez è uno scrittore freelance professionista che offre alle piccole imprese contenuti che coinvolgono il loro pubblico e aumentano la conversione. Se stai cercando articoli di alta qualità su tutto ciò che riguarda il marketing digitale, allora è il tuo ragazzo! Sentiti libero di dirgli "ciao" su Facebook, Google+ e Twitter.