Intervista esperta: Louisa Claire di Brand incontra le condivisioni sui blog Consigli per il blogger a basso traffico

Articolo scritto da:
  • Suggerimenti per il blog
  • Aggiornato: Dec 13, 2016

Come trovare lavoro quando sei un blogger a traffico ridotto?

Louisa

Essere un blogger a basso traffico può intimidire, specialmente quando incontri blogger di grande nome. Può farti sentire come un piccolo pesce in un grande stagno, lottando con la tua fiducia nei blog, la tua autostima e i tuoi tiri. Potresti trovarti a chiedermi se valga la pena di essere pagato.

Questa settimana ho avuto il piacere di intervistare Louisa Claire.

Lei corre Il marchio incontra il blog, un'agenzia di sensibilizzazione dei blogger che lavora con aziende leader e blogger appassionati. Louisa ha ottimi consigli su come un blogger a basso traffico può arrivare alla fase successiva di un'attività di blogging: lavorare con i marchi. Diamo un'occhiata ad alcuni dei suoi suggerimenti e come è possibile utilizzarli.

D: Ciao Louisa, grazie per aver dedicato del tempo a questa intervista. Facciamo subito un salto: che tipo di numeri dovresti avere come nuovo blogger prima di prendere in considerazione la possibilità di lavorare o lanciare marchi?

Louisa:

Come regola generale, mirerei alle visualizzazioni di pagina 3,000 uniche al mese prima di iniziare a lavorare con i marchi e più vicino alle visualizzazioni di pagina uniche 10,000 un mese prima di iniziare a caricare. Mentre lavorare con i blogger ha più a che fare con i marchi che raggiungono un pubblico di fiducia piuttosto che raggiungere un vasto pubblico, raggiungere is ancora un fattore nel processo di selezione dei marchi. Vuoi andare da loro con una base solida. Vorrei anche suggerire di costruire una o due delle tue piattaforme social fino a 1000 + follower, in quanto i brand scoprono che i blogger con community forti su piattaforme multiple offrono un'opportunità più interessante.

Gina:

Devo essere d'accordo con Louisa. Puoi iniziare a costruire relazioni con i marchi seguendo e conoscendoli. Come piccolo blogger del traffico, posso effettivamente caricare pur avendo visualizzazioni di pagina basse, ma i miei social media sono molto ben sviluppati. Sono molto attivo in numerose comunità che raggiungono la mia nicchia particolare. Stabilire una reputazione e lavorare con un alto grado di integrità ti aiuterà quando inizi a costruire una partnership con i marchi. Puoi anche aumentare la tua interazione con i social media aderendo a gruppi promozionali.

D: Se il tuo pubblico è piccolo, dovresti aspettare di interagire con i brand o no?

Louisa:

Se il tuo pubblico è piccolo ma sai che vuoi lavorare con i marchi, inizierei con i marchi che già ami, usi e possiedi a casa tua. Non devi essere coinvolto da un marchio per scrivere su di essi, né per eseguire il tuo omaggio se sei disposto a fornire il premio. In questo modo può essere un ottimo modo per capire il tipo di coinvolgimento che si ottiene con questo tipo di post, nonché mettere insieme case study per mostrare i marchi.

Un case study mostra semplicemente ai brand quello che hai fatto (ha scritto su di loro, ha pubblicato un omaggio, quante menzioni sociali, ecc.) E quali sono stati i risultati (azioni del lettore): clic su sito Web, commenti, Mi piace, condivisioni ecc.

Quello che devi ricordare è che quando un marchio lavora con un blogger hanno determinate metriche di successo su cui stanno misurando l'attività. I casi di studio sono un modo per dimostrare che puoi guidare l'azione e dare ai marchi la fiducia in più per andare avanti con te. Se puoi aiutare un brand a vedere il vantaggio di lavorare con te, anche se hai una copertura ridotta, avrai maggiori possibilità di farli salire a bordo.

Gina:

Ho avuto un anno di ambasciata del marchio in 2014 con un importante marchio non casearia che ho usato e amato. Per questo motivo, era già un marchio che raccomandavo alla mia comunità anallergica. In effetti, questo particolare marchio era uno su cui avevo fatto molte ricerche e potevo dare motivi convincenti per scegliere questo al di sopra dei suoi concorrenti.

Ciò ha stabilito la mia autenticità e credibilità con il marchio. Attualmente sto creando un case study che mostra come sono stato selezionato come blogger del mese per quel progetto perché ho guidato il maggior numero di registrazioni. In effetti, non solo mi hanno selezionato per più progetti, ma hanno aumentato la mia retribuzione mentre procedevamo. Una cosa che puoi fare anche è impostare un omaggio di successo.

D: Cosa cercano i marchi quando assumono blogger a basso traffico?

Louisa:

Generalmente i marchi cercheranno una delle due cose; possono riconoscere che il blog è particolarmente di nicchia e quindi, anche se il pubblico è piccolo, è anche molto mirato al proprio pubblico. In alternativa, quando lavorano con un blog più piccolo, faranno parte di un'attivazione più ampia e cercheranno di aumentare la consapevolezza del marchio.

Gina:

In un recente ambasciatore che ho avuto per un marchio senza glutine, ho fatto anche parte di una più grande attivazione. Questo è stato fantastico perché tutti noi potevamo lavorare insieme, condividendo i reciproci contenuti e diffondendo la parola non solo sul prodotto, ma su vari modi di utilizzarlo. Questo funziona bene per la mia nicchia, perché anche se ho un blog privo di allergie, non sono un creatore di ricette, quindi lavorare con gli altri blogger è stato perfetto per questa campagna. Le migliori campagne impegnarsi con entrambi i marchi e i blogger.

D: Qual è una buona strategia una volta stabilito il tuo blog per creare una solida base per costruire traffico e lavorare con i marchi?

Louisa:

Assicurati di promuovere i tuoi post sui social media più di una volta. Va bene condividere lo stesso post più volte senza infastidire il pubblico in quanto vi è un turnover così elevato sui social media. Vorrei anche incoraggiarvi a creare una stalla di "post della passione" - questi sono post sul blog che resisteranno alla prova del tempo (altrimenti, chiamati contenuti sempreverdi).

Questi post possono essere condivisi continuamente dando la possibilità di raggiungere nuovi lettori ogni volta che li condividete. I contenuti sempreverdi possono risultare difficili per i blogger personali perché la natura di un blog personale deve essere una rivista sociale, ma è possibile scrivere post senza limiti di tempo. È una delle cose più intelligenti che un blogger possa fare.

Gina:

Ripetere la promozione, soprattutto su Twitter, è qualcosa che faccio sempre. Non sai mai quando ti perderai un sostenitore chiave che vuole leggere e condividere il tuo post. Inoltre, la condivisione in momenti e giorni diversi può aiutarti a testare quando i tuoi post sono più forti e chi sta leggendo il tuo stream quando.

Ho un numero di post sempreverdi che funzionano bene per il mio pubblico, come quello su come superare Halloween per i bambini con allergie alimentari o come fare in modo che un bambino con autismo si adegui alla stagione del ritorno a scuola. Imparare a scrivere un articolo sempreverde è un componente chiave del blogging eccellente.

D: Qual è l'unico strumento che dovrebbero avere tutti i blogger se vogliono "andare pro" con il loro blog?

Louisa:

Assicurati di gestire il tuo blog da una piattaforma di blogging self-hosted. Altre piattaforme spesso hanno limitazioni sul modo in cui puoi promuovere i marchi, e altre restrizioni su quanto bene puoi promuovere te stesso, come usi le strategie SEO per aumentare la visibilità, ecc. Anche il professionista può essere una questione di come ti presenti tanto quanto qualsiasi cosa

Gina:

Sono stato auto-hosting da 2003 e non me ne sono pentito. Vale la pena lavorare in più per la quantità di libertà che si ottiene con l'auto-hosting, da come posso usare i plugin per quanto è più facile per i lettori ricordare il nome del mio blog. Ti raccomando di stare attento con il self-hosting e di assicurarti di usare servizi intelligenti e sicuri in modo che il tuo blog non si arresti spesso. Ci sono molti modi per proteggere il tuo blog self-hosted.

D: Quali sono i tuoi migliori consigli per i nuovi blogger che sono nervosi nell'approcciare i marchi? Cosa dovrebbero dire o fare per essere preparati?

Louisa:

Ricorda che anche i "marchi sono persone": tendiamo a pensare ai marchi come grandi, senza volto, potenti ma in realtà sono solo luoghi pieni di persone appassionate di ciò che fanno. Quando ricordi che stai solo incontrando una persona per passione reciproca, tutto è meno spaventoso!

Gina:

Essendo appena tornato da una conferenza sui blogger, posso dirvi che la parte più divertente è arrivata alla fine di una lunghissima fiera, alla fine della giornata. I rappresentanti e i blogger erano tutti esausti e mentre mi sedevo per provare un giocattolo, iniziai una conversazione con un rappresentante che stava per sposarsi presto. Ciò ha portato ad una grande conversazione su matrimoni e anelli, e alla fine, il rappresentante mi ha dato la sua carta.

Non me l'aspettavo né era quello il mio obiettivo finale. Penso che apprezzasse il fatto che stavo solo parlando con lei, una donna a un'altra, di qualcosa che avevamo in comune: l'autenticità in azione! È anche importante sapere Il marchio incontra il blog,.

Grazie, Louisa, per aver condiviso la tua saggezza con noi! Se vuoi saperne di più, dai un'occhiata Louisa e il marchio incontrano il blog su Twitter per ulteriori ottimi consigli su come lavorare con i blog.

A proposito di Gina Badalaty

Gina Badalaty è proprietaria di Embracing Imperfect, un blog dedicato a incoraggiare e assistere le mamme di bambini con bisogni speciali e diete con restrizioni. Gina ha scritto blog su genitori, allevare figli con disabilità e vivere senza allergie per oltre 12 anni. È un blog di Mamavation.com e ha firmato per grandi marchi come Silk e Glutino. Lavora anche come copywriter e ambasciatrice del marchio. Adora dedicarsi ai social media, viaggiare e cucinare senza glutine.

Collegare: