W3 Total Cache Plugin: oltre le impostazioni generali

Articolo scritto da:
  • WordPress
  • Aggiornato: Dec 10, 2016

In un precedente articolo, abbiamo sottolineato che è importante avere un sito web di caricamento veloce e quello W3 Total Cache il plug-in può aiutare a ridurre i tempi di caricamento e generalmente a velocizzare i siti Web. Abbiamo anche esaminato le Impostazioni generali per questo plugin in quell'articolo. Ora, guardiamo oltre le Impostazioni generali e comprendiamo come ottimizzare questo plugin per prestazioni ottimali.

Una parola su questo plug-in prima di approfondire le funzionalità avanzate: per ottenere il massimo beneficio da W3 Total Cache, sono necessari alcuni script di server e configurazione di hosting avanzati. Ma anche senza questo, possiamo ottenere dei buoni risultati.

Dopo aver installato e attivato il plug-in W3 Total Cache, cercare Prestazione sul cruscotto e fare clic su di esso. Si aprirà la Dashboard del plugin e potrai navigare lì per avere un'idea della gamma di funzioni di questo plugin.

5

Le funzionalità aggiuntive disponibili con i servizi premium sono disponibili qui. Il feedback può essere inviato agli sviluppatori del plug-in dal link indietro in Spread the Word. Informazioni statistiche sulle prestazioni del sito Web dal punto di vista del server sono disponibili in Nuova reliquia. Dopo aver configurato il plug-in, il rapporto Velocità pagina di Google visualizzerà informazioni sulle prestazioni del tuo sito Web.

Ora configuriamo il plugin.

Fare clic su Prestazioni> Impostazioni generali. Dai un'occhiata al opzioni che si aprono sotto Impostazioni generali. È possibile regolare le impostazioni sotto ciascuna opzione.

5a

1. Modalità anteprima

Per verificare l'effetto del plugin W3 Total Cache, puoi abilitare la modalità Anteprima. Quando questa modalità è abilitata, solo l'amministratore può vedere l'effetto di una modifica. Quando questa modalità è disabilitata, il pubblico di visualizzazione può anche vedere gli effetti delle modifiche apportate da questo plugin.

5b

Nell'immagine sopra, la modalità di anteprima è disabilitata. È necessario abilitare la modalità di anteprima mentre si apportano modifiche alle impostazioni, osservare che hanno l'effetto desiderato sul sito Web e quindi disattivarli nuovamente dopo aver salvato le modifiche.

2. Cache di pagina

Ogni volta che un utente chiama una pagina, WordPress accede a numerosi script PHP ed esegue query di database, che occupano spazio sul server e rallentano il sito web. Quando si abilita la memorizzazione nella cache in una pagina, questo processo è reso più veloce per le richieste ripetute.

7c

Sotto le impostazioni della cache della pagina, dovrai scegliere anche il metodo della cache della pagina. La scelta dipende dal server che sta usando il sito web. L'impostazione predefinita per questo è Disco potenziato. Questo va bene per la maggior parte dei siti web.

5d

Dato che dovrai fare questa scelta ripetutamente per tutte le impostazioni, diamo un'occhiata alle altre opzioni oltre a Disk Enhanced.

Disk Basic e Disk Enhanced sono per l'hosting condiviso. Puoi scegliere Disk Enhanced, ma se il tuo sito rallenta o se stai occupando troppe risorse del server, puoi tornare a Disk Basic. Oppure cambia il tuo piano di hosting o il provider di hosting.

I server dedicati / virtuali sono un ordine più elevato di server. I server dedicati non sono condivisi con nessun altro sito Web o persona, mentre i server virtuali sono condivisi da pochissime persone o siti web.

Opcode: Alternative PHP Caching (APC): qui il codice PHP viene memorizzato nella cache utilizzando soluzioni PHP open source.

Opcode: eAccelerator: codificatore e caricatore PHP.

Opcode: XCache - Una cache di opcode molto veloce e stabile. È completamente supportato da Windows e Linux.

Opcode: WinCache - Una soluzione PHP open source esclusivamente per Windows.

Più server: Memecached: se un sito è supportato da più di un server, è necessario selezionare l'opzione memecached.

3. minify

Il codice contiene cose come commenti, caratteri di nuova riga e spazi vuoti che aumentano la dimensione del codice. Minification elimina il codice delle ridondanze. Gli script HTML, Java e CSS sono i colpevoli qui e la loro minificazione migliorerà sensibilmente la velocità.

Dovrai anche scegliere le opzioni sotto HTML Minifier, JS Minifier e CSS Minifier. Le opzioni di default funzionerebbero bene, ma in caso di conflitti, puoi scegliere le altre opzioni e vedere quale funziona per te. Se i problemi rimangono irrisolti, puoi anche disabilitare l'opzione di minificazione. Questo sarà spesso il caso quando è installato Lite Speed.

8a

Dovrai scegliere il metodo di cache Minify basato sulla spiegazione in (2) sopra. L'opzione consigliata qui è Disk.

8b

4. Cache di database e cache di oggetti

9

Abilitare l'opzione cache del database significa che stai memorizzando nella cache le query SQL. Trovare una pagina sul server implica la ricerca in un database molto grande. La memorizzazione nella cache riduce il tempo per questa ricerca, ma consuma risorse del server. Quindi, su un server condiviso, potrebbe effettivamente ridurre la velocità. La strada da percorrere sarebbe quella di abilitare la memorizzazione nella cache del database e quindi analizzare la velocità del sito. Se provoca un rallentamento, disabilitarlo potrebbe essere un'opzione migliore. Questa opzione funziona meglio su un server dedicato o virtuale.

9a

Abilitare il cache degli oggetti aiuta a ridurre il tempo di processo di alcune operazioni. È consigliabile solo per server dedicato o virtuale.

9b

5. Cache browser e rete di consegna del contenuto

La cache del browser è un'opzione molto importante e deve essere sempre abilitata, qualunque sia il metodo di hosting che si sta utilizzando. Questa impostazione utilizza la cache nel browser Web del visitatore per ridurre il carico del server e il tempo di risposta. Le intestazioni vengono aggiunte e la compressione HTML è possibile. Quando una pagina viene richiesta una seconda volta, il tempo di risposta migliora notevolmente.

10

A volte il contenuto è memorizzato su un numero di server in tutto il mondo. Una Content Delivery Network indirizza il visitatore al server geografico più vicino a lui. Se non si utilizza una rete di Content Delivery, disabilitare questa opzione.

8. Reverse Proxy

11

Con il proxy inverso, i file statici vengono memorizzati nella cache di server diversi in tutto il mondo e possono essere accessibili tramite un cloud da un visitatore. È meglio non abilitare questo per i siti WordPress

9. Monitoraggio

12

È necessario abilitare il monitoraggio solo se si desidera avere statistiche dettagliate sul rendimento del proprio sito e del server e se si ha familiarità con New Relic.

10. Varie

13

Acquisisci una chiave API seguendo il link indicato sotto il campo e inseriscilo nel campo Chiave API velocità pagina. Le altre opzioni sono solo per utenti esperti.

11. Debug e Importa ed esporta le impostazioni.

Debug fornisce informazioni dettagliate su ciascuna cache e può essere visualizzato pubblicamente nel codice sorgente della pagina. Questo ti aiuterà a capire cosa funziona e cosa no. Abilita solo quando richiesto e disabilita subito dopo.

14

Tutte le impostazioni possono essere esportate e quindi importate successivamente nello stesso sito o in un'altra posizione e fungono da buon backup.

Un fattore importante nell'uso riuscito di questo plug-in è rappresentato dai vincoli di software e configurazione del provider di hosting. Se il tuo ambiente di hosting non è adatto o se le opzioni di configurazione stanno dimostrando troppo per te, potresti voler tornare al più semplice W3 Super Cache dato che la maggior parte dei server può funzionare in modo ottimale con questo plugin su un'installazione di base.

A proposito di Vishnu

Vishnu è uno scrittore freelance di notte, lavora come analista di dati di giorno.

Collegare: