Titoli che succhiano e che cosa puoi imparare da loro

Articolo scritto da:
  • Copia di scrittura
  • Aggiornato: Nov 08, 2018

Il Poynter Institute, Eyetools Inc. e l'Estlow Center for Journalism and New Media hanno utilizzato attrezzature di tracciamento oculare per studiare il modo in cui le persone leggono le pagine web e hanno trovato alcune informazioni interessanti per aiutare i proprietari di siti Web e i blogger di tutto il mondo. Lo studio, chiamato Eyetrack III, ha studiato le persone 46 per un'ora mentre leggono online. Hanno scoperto che un titolo dominante può attirare l'attenzione e ancor più se si trovano nell'angolo in alto a sinistra della pagina.

Inoltre, un titolo che ha una formulazione specifica, come alcuni degli esempi forniti da Jerry Low nel suo articolo intitolato Scrivi titoli come Brian Clark, Neil Patel e Jon Morrow: 35 Headline Samples dai blogger di A-List, attirerà l'attenzione di un lettore.

Uno dei modi migliori per imparare cosa dovresti fare quando scrivi un titolo è guardare i titoli falliti. Studiando ciò che non funziona, imparerai cosa non fare quando scrivi i tuoi titoli.

Cosa fa risuonare un titolo?

Ci sono alcune cose molto specifiche che fanno schifo i titoli. A volte, non ti rendi conto che qualcosa fa schifo fino a quando non lo leggi e ti rendi conto di quanto sia brutto, però.

Too Short

Probabilmente hai sentito consiglio a "BACIO" (Keep It Simple, Sweetie), ma anche le cose buone possono essere prese troppo lontano.

Sebbene un titolo non dovrebbe essere lungo tre righe, non dovrebbe essere così breve che il lettore abbia solo un senso estremamente ampio dell'argomento. Vuoi che il lettore sappia esattamente di cosa parla il tuo articolo quando inizia a leggerlo.

Usiamo questo articolo come esempio. Il mio titolo è "Titoli che fanno schifo e cosa puoi imparare da loro". Spero che tu sappia che cosa non fare in un titolo e ottenere alcune istruzioni per scrivere quelli migliori.

E se avessi usato un titolo diverso che non era così chiaro? E se fossi andato con:

Quel succhia!

Mentre questo potrebbe attirare la tua attenzione per un secondo, non avresti idea di cosa fosse il mio articolo. Potrei scrivere di qualsiasi cosa

Troppo lungo

All'estremo opposto dello spettro c'è il titolo che è troppo lungo. Come una pazzesca frase run-on, continua ad andare e andare e andare.

Gothamist indica un titolo del New York Post come forse uno dei più lunghi di sempre. In maggio 18th, 2013, la colonna di Josh Saul è salita con il seguente titolo:

La cantante gospel ha fatto causa a McDonald's dopo aver presumibilmente morso un pezzo di vetro mentre mangiava sandwich di pollo, che sostiene abbia rovinato la sua voce

Wow! Non sarebbe nemmeno una buona frase, tanto meno un titolo. Questo titolo potrebbe essere risolto concentrandosi sui punti chiave:

La cantante gospel ha fatto causa a McDonald per "Ruining her Voice"

Qui è un altro titolo che fa schifo perché è troppo lungo:

La donna in tuta di lottatore di sumo ha aggredito la sua ex-fidanzata nel pub gay dopo aver salutato un uomo vestito da bar di Snickers

Va bene, ho capito perché il giornalista voleva usare tutto ciò nel tentativo di catturare l'interesse del lettore, ma era troppo. Invece, è meglio scrivere qualcosa di più corto come questo:

La donna assalta l'ex ragazza; Snickers Bar coinvolto

titolo stupido
Ludie Cochrane via Compfight

Troppo ridicolo

Ci sono volte in cui un titolo è così folle e ridicolo da non riuscire ad invogliare il lettore a leggere le sue pagine. Dopotutto, se il titolo suona folle, allora probabilmente lo è anche l'articolo.

I titoli ridicoli di solito si verificano quando lo scrittore esagera o non riesce a usare la punteggiatura corretta.

Secondo Huffington Post, il seguente titolo apparve sul Petersburg Progress-Index, un quotidiano della Virginia:

Paracadutista atterra sul venditore di birra all'evento di wrestling delle donne cole slaw

Mentre quello sicuramente si qualifica come ridicolo, probabilmente avrei letto quell'articolo. Ciò che più preoccupa sono i titoli in cui la grammatica errata modifica il significato del titolo. Se hai intenzione di raddoppiare e triplicare la tua grammatica ovunque, fallo nei titoli!

Potrebbero parlare di golf nel titolo seguente, ma come puoi essere sicuro? Voglio dire, ahi! Povero nipote Non deve averlo gradito.

La nonna di otto fa buca in uno - Slinky City

Quando scrivi titoli, tieni presente i doppi significati che il lettore può trarre da quel titolo.

Gli errori grammaticali potrebbero essere qualcosa che alcuni dei tuoi lettori non noteranno mai, ma se dimentichi di usare le virgole in modo appropriato, ecc., Alcuni dei tuoi lettori noteranno e li farà impazzire. Pensa ad alcuni degli esempi che hai visto online, come:

Stiamo mangiando il nonno.

È orribile! La tua famiglia è cannibale? Ricorda di usare le virgole.

Stiamo mangiando, nonno.

Il modo principale per evitare questi problemi è essere consapevoli dei tuoi titoli e forse avere una seconda serie di occhi che guardano i titoli per assicurarsi che non siano ridicoli.

Troppo manipolativo

Alcuni titoli cercano di manipolare il lettore nella lettura dell'articolo. Mentre puoi "attirare" il lettore, non vuoi che si senta manipolata. Rinuncerà al tuo sito per averla manipolata, in particolare se la porti lì sotto false pretese e quindi l'articolo non riesce a consegnare.

esempio:

Leggi questo articolo adesso se vuoi sopravvivere un'altra notte

Non so te, ma sembra quasi minaccioso. Probabilmente non mi preoccuperei di leggerlo e lo aggiungerei a un approccio giornalistico sensazionalista.

Troppo spam

Ormai da anni i lettori hanno ricevuto spam nelle loro caselle di posta e hanno esaminato i titoli degli argomenti che sono di per sé stessi. Hanno familiarità con titoli di tipo click-bait che cercano semplicemente di ottenere clic perché il titolo è scioccante o provocatorio. I lettori evitano questi titoli.

Parole da evitare nei titoli

I dati di Outbrain dimostrano che i lettori stanno diventando più esperti delle tattiche di spam usate da alcuni inserzionisti. Secondo il loro studio, i titoli con le seguenti parole (gratuito, facile, ecc.) Ottengono un impegno inferiore.
I dati di Outbrain dimostrano che i lettori stanno diventando più esperti delle tattiche di spam usate da alcuni inserzionisti. Secondo il loro studio, i titoli con le seguenti parole (gratuito, facile, ecc.) Ottengono un impegno inferiore.

Secondo Outbrain, i consumatori evitano parole specifiche. Ad esempio, parole come "Magic", "Free" e "Must" hanno una classifica di engagement del lettore negativa.

Alcuni esempi di titoli di spam includono:

Devi leggere questo articolo prima del tuo prossimo pasto!

Ti garantisco che il lettore andrà avanti e mangerà dozzine di pasti e non leggerà ancora il tuo articolo con un titolo del genere.

La formula magica che ti farà guadagnare $ 1,000 entro domani

Quante email di spam hai ottenuto che sono molto simili a questo? Come lettore, ti preoccuperesti di fare clic su un titolo di articolo con questo tipo di lead-in?

La scorsa estate, Facebook ha modificato i suoi algoritmi di feed di notizie per spingere i titoli di spam con determinate parole chiave nei feed di notizie. Ciò significa che solo titoli pertinenti e ben pensati avranno una portata decente sul gigante dei social media.

Poiché i titoli di prima qualità sono ciò che dovresti scrivere in ogni caso, questo semplicemente costringe il problema su questa piattaforma. È una mossa positiva di Facebook e ha tagliato gran parte dei titoli di spam che sembravano sorpassare i feed di notizie per un po 'di tempo.

Il buono e il cattivo

Quando scrivi il titolo perfetto, ti consigliamo di prendere in considerazione gli esempi di buoni titoli forniti da Jerry Low nell'articolo menzionato nella parte superiore di questa pagina. Tuttavia, vorrai anche valutare le idee che generi con ciò che non dovresti fare.

Comprendendo sia gli elementi di un buon titolo di un articolo che gli elementi che fanno impazzire i lettori, avrai le migliori possibilità possibili di raggiungere i lettori e farli cliccare sul tuo titolo e leggere di più.

A proposito di Lori Soard

Lori Soard ha lavorato come scrittore ed editore freelance da 1996. Ha una laurea in inglese e un dottorato in giornalismo. I suoi articoli sono apparsi su giornali, riviste, online e ha pubblicato diversi libri. Da quando 1997, ha lavorato come web designer e promoter per autori e piccole imprese. Ha anche lavorato per un breve periodo nella classifica di siti web per un motore di ricerca popolare e studiando tattiche SEO approfondite per un certo numero di clienti. Le piace ascoltare dai suoi lettori.