7 Tecniche di storytelling per conquistare il tuo blog

Aggiornato: Jun 20, 2020 / Articolo di: Luana Spinetti

Anni fa, quando io iniziato il blogging di nicchia, Ho usato per mantenere le mie capacità di narrazione confinate all'etichetta di "scrittura creativa" e ho usato solo parole fredde, obiettive e descrittive nei miei primi articoli.

Il solo pensiero di scrivere per una nicchia mi dava i brividi. Mi ha reso ansioso. Non mi piaceva quella sensazione gelida che mi ha scritto scrivere paragrafi descrittivi. Lo storyteller in me desiderava ardentemente prendere l'iniziativa e trasformare quel noioso pezzo di copia in una scrittura gioiosa che avrebbe fatto sorridere, ridere, aggrottare le sopracciglia e piangere i miei lettori.

Sai, passare da una copia senza vita a una copia piena di vita.

Le cose hanno iniziato a cambiare per me quando finalmente ho dato il narratore in me a mani nude e ho capito che SÌ, la narrazione ha un posto in scrittura non creativa, Troppo!

Ecco perché ho scritto questa guida: per insegnarti 7 tecniche di narrazione che risucchieranno i tuoi lettori e li coinvolgeranno non solo a livello cognitivo (stanno leggendo i tuoi contenuti per imparare qualcosa di nuovo, giusto?) Ma anche a livello `` intestinale '' (perché noi umani non siamo niente senza le nostre emozioni).

Nulla innesca la narrazione quando si tratta di connettersi completamente con altri esseri umani.

Continua a leggere, perché ti dirò perché.

Il potere della narrazione

Il potere della narrazione
Foto: Storytelling, Concord Library di Local Studies NSW (cc)

Alex Limberg ha scritto un post incredibile su storytelling su BoostBlogTraffic.com questo mi ha tenuto agganciato fino all'ultima riga, e indovina un po '- per scrivere il suo post sullo storytelling, Alex ha usato ... storytelling!

Ha raccontato la storia di Scheherazade da Le mille e una notte creare interesse per il lettore e gestito saggiamente per mantenere vivo questo interesse:

(...)

E ogni notte, il re ha risparmiato la sua vita solo per un altro giorno.

Ma per quanto tempo potrebbe continuare questo pericoloso gioco?

Dovrai aspettare per scoprirlo. Ma prima diamo un'occhiata al potente trucco usato da Scheherazade.

Perché un trucco 30,000-Year-Old funziona ancora oggi

Finché gli esseri umani sono esistiti, siamo stati cablati per soddisfare un bisogno. (No, non è quello che pensi.) Sto parlando di narrazione.

Qualche 30,000 anni fa, quando i nostri antenati scolpirono l'avvincente racconto dell'ultima caccia gigantesca nelle pareti rocciose, i loro amici dai capelli ispidi devono averli consumati avidamente.

Questo perché il bisogno di storie è radicato profondamente nel nostro cervello.

(...)

Alex ha continuato a spiegare come si può sposare la narrazione e il blog prima di dire al lettore, negli ultimi paragrafi del suo post, come è finita la storia di Scheherazade.

Non sto scherzando: il suo post ha ricevuto 93 commenti entusiasti!

Vedi, la vita stessa riguarda le storie. Tutto ciò che apprendiamo, pensiamo e facciamo è circondato da una storia, la storia della nostra vita che conduce a quel preciso momento:

  • Hai imparato a usare la tua vecchia macchina da cucire? C'è la storia di te che frequentavi quel corso di cucito che pensavi fosse così noioso ma che in realtà ti ha aperto un sacco di nuove porte creative.
  • Hai fatto un sacco di soldi vendendo ebooks di zuppa di cucina? C'è la storia di come hai sviluppato l'interesse per le zuppe nel corso degli anni e il successo che hai iniziato a raccogliere quando le persone hanno elogiato le tue ricette creative.

E come dice Alex nel suo post, il Web è pieno di storie: tutto ciò di cui hai bisogno è un motore di ricerca per trovare quelle (reali o fittizie) di cui avrai bisogno per i tuoi post - così come le persone con background interessanti che puoi intervistare per aggiungere un una storia reale, credibile e riconoscibile per il tuo post (i lettori amano i post basati sull'intervista).

Potresti assaporare il potere della narrazione?

Buono. Detto questo, con le tecniche di storytelling 7 per cui sei qui.

Tecnica di storytelling #1: inizia con un'immagine

Raffigura una persona. Un oggetto. Un posto. Usa parole che parlano ai cinque sensi e aiuta il lettore a "vedere" la storia che stai per raccontare.

Un paragrafo guida che crea un'immagine mentale attira il lettore per andare avanti, leggere di più e seguire meglio i tuoi punti. Nessun linguaggio floreale per distrarre il lettore, ma una scena che lo risucchia e riempie non solo la sua mente, ma tutto il suo sé.

Esempio (l'argomento è "fragranze fiorite"):

Il mio naso fremeva quando entrai nel negozio di alimentari.

Il profumo di rose e gardenia illuminò i miei stati d'animo e mi fermai a inspirarlo. Poi mi guardai intorno, aspettandomi di vedere i fiori, ma non ne vidi nessuno.

Il negoziante mi guardò e ridacchiò. "Non sono fiori veri, solo questa fragranza per la casa del marchio ABC", ha detto.

Trattenni il respiro per la sorpresa. "Quale profumo?"

Suggerimenti utili per la scrittura:

Se l'immagine giusta non ti arriva o hai bisogno di più ispirazione, pensa a film, racconti e persino pubblicità televisive. Guarda e leggi alcuni e prendi nota, cercando di usare parole che corrispondono alle immagini.

Un'altra tecnica che uso spesso è quella di trovare un'immagine usando Compfight or Pixabay (a volte, utilizzo semplicemente la scheda immagine di un motore di ricerca o altre fonti fotografiche gratuite) e usarlo per aiutare i miei sensi a connettersi con il mio cervello per trovare le parole giuste, oppure potrei semplicemente descrivere ciò che vedo usando le parole sensoriali.

Tecnica di storytelling #2: mostra l'umano, non solo l'argomento

Metti l'esperienza umana prima del tema a portata di mano se vuoi collegare il lettore e tenerli sulla pagina dall'inizio alla fine.

Quando racconti una storia, l'attenzione non dovrebbe essere sull'argomento che stai cercando di coinvolgere il lettore - se lo fai, la copia risulterà noiosa e descrittiva ei lettori scapperanno. Invece, racconta loro dell'umano nella storia, usa aneddoti, fai risplendere l'umano mentre affronti l'argomento in questione.

Il tuo argomento è lo strumento e l'ambiente, ma l'essere umano è il protagonista. Se vuoi che i lettori si interessino a ciò che stai cercando di dire o che li convincano a comprare, aiutali a ritrovarsi nell'umano della tua storia: sarà più facile per loro iniziare a pensare di usare lo strumento o l'argomento proprio come ha fatto il tuo copy hero.

Esempio (l'argomento è "valutare e risolvere i problemi della comunità"):

Il mio partner di blog non era del tutto convinto che potessimo far funzionare l'intera comunità online. Troppo dramma, troppo poco sforzo da parte dei membri più aperti per apportare valore reale alle tavole.

Ma mentre mi concentravo sull'apprendimento di nuove strategie e trucchi per migliorare la nostra comunità web, la mia partner non si è risparmiata negli sforzi per far funzionare la comunità: ha passato dozzine di thread e post per osservare il comportamento dei membri, ha inviato messaggi ai membri uno per uno, facendo loro domande e imparando da loro - direttamente - cosa volevano veramente vedere sui nostri forum.

Anche se ho affrontato il problema dal lato più "tecnico", lei è andata direttamente ad affrontare il vero problema che avevamo - non un problema di piattaforma, ma un problema di persone.

È esattamente così che ha trasformato la comunità da una zona drammatica a un luogo di crescita personale e collaborazione: (...)

Suggerimenti utili per la scrittura:

Non limitarti a descrivere le azioni della persona nella tua storia, ma focalizza maggiormente le loro motivazioni e le idee o la filosofia aziendale che le hanno portate a fare ciò che hanno fatto.

Vuoi che i tuoi lettori indossino i panni del tuo narratore, pensino e provino ciò che sentono fino a quando ogni azione intrapresa e ogni suggerimento fornito nel post non appare come conseguenza logica per il lettore - in altre parole, vuoi creare una connessione a un livello cognitivo oltre a livello emotivo.

Tecnica di narrazione n. 3: inizia con un video che racconta una storia ...

... quindi procedi per collegare i punti della storia con il tuo argomento

Il video non deve essere tuo, ma deve trasmettere il tuo punto di vista e presentare la tua storia. Può essere un video musicale, un video introduttivo, uno spot o un estratto del film (se ne possiedi i diritti o il film è di dominio pubblico, puoi consultare Archive.org per questo).

Prendi ogni scena o messaggio importante nel video e trasformalo in un sottotitolo del tuo post: collega la storia al tuo argomento e ai consigli che dai ai tuoi lettori.

Per esempio, questo post di Will Blunt, subito dopo la sezione introduttiva, collega un video musicale dei Beatles ("With A Little Help from My Friends") e il suo messaggio con la generazione di traffico e consigli sulla promozione di post sul blog per i blogger, e Will Blunt lo introduce con un paragrafo molto intrigante:

Sei pronto?

Prima di immergerci: Voglio che clicchi su questo video per ascoltare la musica dei Beatles mentre leggi il post ... Cattura l'essenza del processo di promozione.

Il tuo video potrebbe raccontare una storia o "memorizzare" un messaggio, come una pubblicità televisiva o un video musicale, ma il formato non ha importanza; ciò che conta è che il video stesso dia spinta e quindi integri l'argomento affrontato nel tuo post sul blog.

Esempio (l'argomento è "l'unicità di un blogger dovrebbe trasparire"):

I tuoi lettori possono vederti come un fuoco d'artificio?

Potresti sentirti come un luogo buio, senza una tua luce, perché la luce di tutti gli altri interrompe ogni tuo sforzo per brillare.

Ma non sei destinato a rimanere per sempre un oggetto oscuro.

Guarda cosa canta Katy Perry a riguardo:

Sei un fuoco d'artificio, sei unico, quindi fai brillare il meglio di te.

Non permettere a nessuno di dettare chi dovresti essere.

Come puoi trasformare la tua oscura, timida e timida immagine di blogger in una personalità vivace, originale e frizzante che i tuoi lettori amano (e che ti riflette davvero)?

Ecco 6 suggerimenti per te: (...)

Suggerimenti utili per la scrittura:

Puoi usare a approccio video-first o approccio al messaggio quando decidi di utilizzare un video come dispositivo di storytelling nel tuo post del blog.

Will Blunt ha utilizzato il video musicale dei Beatles con un approccio al primo messaggio: il messaggio nel video corrisponde al messaggio che trasmette nel suo post e lo integra, ma il post rimane da solo anche senza il video.

L'esempio che ho scritto sopra utilizza il video clip di Katy Perry con un approccio video-first: il video introduce l'argomento e offre una panoramica del messaggio principale del post, quindi il post stesso si basa sulla storia raccontata nel video.

La scelta dell'approccio è tua e dipende dal tipo di hook a cui il tuo pubblico reagisce in modo più favorevole.

Tecnica di storytelling #4: sii un blogger personale

Il blog personale piace ai lettori perché parla alle emozioni, racconta la vita, mostra l'umano dietro la copia

I lettori adorano i blog personali perché possono ritrovarsi nei racconti della tua vita, proprio come possono relazionarsi con i personaggi di un romanzo o di un racconto.

Ho parlato di come scrivere come un blogger personale qui a WHSR l'anno scorso, ma in questa sezione voglio mostrarti come ho usato lo storytelling personale per scrivere un post sponsorizzato sul mio blog Luana.me:

Esempio (l'argomento è "lime per unghie"):

Ero 10 quando un compagno di classe mi ha detto che ho unghie ben arrotondate.

Ho guardato le mie mani e ho osservato le mie dita sì, poteva avere ragione, sembravano a posto con la forma rotonda delle mie dita.

"Ma io non voglio indossare lo smalto", ho detto con un broncio.

"Non c'è bisogno di usare lo smalto", ha aggiunto il mio compagno di classe, "solo una buona limetta per unghie per renderli belli e curati".

Non ho visto quel compagno di classe da anni e non ricordo nemmeno il suo nome, ma aveva ragione - non avevo bisogno dello smalto, solo un bel mucchio di lime per unghie che potevo usare per modellare le mie unghie e tenerle in salute e suono. E 'stato fantastico!

Quando ho girato 14, una delle mie zie mi ha comprato un set per manicure che conteneva due lime per unghie in alluminio. Erano splendenti e splendidi, ma nel corso degli anni si sono arrugginiti e diversi lavaggi sono stati fatti male, quindi ho dovuto buttarli via.

Quindi ora ho preso una delle due opzioni rimanenti:

  • Lime per unghie in plastica (costano pochi centesimi al negozio cinese in centro)
  • File che sono metà plastica, metà vetro o interamente in vetro

Mi piacciono le lime per unghie in plastica, ma tendono a rompersi facilmente. (...)

Le lime per unghie in vetro sono totalmente un'altra storia.

(...)

Questo è il mio stile. Ti raccomando di praticare e praticare fino a quando non trovi il tuo stile personale.

Suggerimenti utili per la scrittura:

È molto allettante andare avanti e avanti con la tua storia personale senza aggiungere valore al lettore. Evitatelo, perché spingerà via il lettore invece di trascinarlo dentro.

Ricorda che un lettore di nicchia arriva sul tuo blog per uno scopo specifico: imparare qualcosa di nuovo sulla sua nicchia o settore, sondare opinioni diverse su un determinato argomento o risolvere un problema che sta affrontando in questo momento.

Lo storytelling rende loro facile immergersi nell'argomento (vedi la prossima tecnica n. 5) e mantenere il focus, oltre a relazionarsi alla tua esperienza e connettersi a un livello più umano, ma lo storytelling di per sé non è ciò che sono dopo - per questo, hanno romanzi e i loro (veri) blog personali preferiti.

Mantenere il racconto personale e consigli di nicchia in equilibrio.

Tecnica di storytelling #5: Immergere il lettore nelle impostazioni

Porta il tuo lettore a mano e mostra loro il paesaggio. Guardalo insieme, così vedranno quello che vedi anche tu.

… Sono sicuro che l'hai appena immaginato, vero? Eri immerso nelle ambientazioni, hai visto la scena accadere davanti agli occhi della tua immaginazione.

È quello che ha fatto Alex Turnbull di Groove con il suo post intitolato "Il modello di prezzo che ha aumentato le nostre iscrizioni di prova gratuite di 358% (e ​​Ricavi di 25%)“. Ha iniziato con una scena di lui e del suo team intorno al tavolo della cucina, discutendo delle strategie di prezzo.

Per favore, apri il post e leggi la sua introduzione: verrai risucchiato dentro, come se fossi seduto allo stesso tavolo con loro.

Questo è il potere della narrazione: ti catapulta proprio nella scena.

L'impostazione nel post di Alex Turnbull è fisica, ma le tue impostazioni possono anche essere emozionali: ad esempio, il tuo lettore potrebbe non avere un bisogno immediato per la tua guida di sensibilizzazione via email, ma potrebbero essere curiosi a riguardo e vedere se è davvero quello di cui hanno bisogno, così puoi raccontare una storia per suscitare quella curiosità.

A proposito di testi che si connettono emotivamente ai lettori, il post della signora Liz intitolato "Come scrivere una copia caricata emotivamente che aumenta le vendite"È una buona lettura.

Esempio (l'argomento è "riparazioni auto dopo un incidente"):

Crash! La tua auto colpisce contro quel corto muro di mattoni che non hai notato.

Uffa! Sei preoccupato, spaventato che sia successo qualcosa di irreparabile. Controlla tu stesso - tutto bene. Altre persone dalla strada vengono a vedere come stai, ma davvero, stai bene.

È la tua macchina che non va bene ... per niente! Dovrai spendere soldi per le riparazioni ora, e Dio, il tuo prossimo stipendio non è esattamente domani.

Forse, se avessi i soldi, assumeresti un servizio di riparazione auto - e forse lo farai - ma dovrai riparare tu stesso le parti più urgenti.

Suona familiare?

Ci sono stato, fatto. Veramente. In questa guida, tutto ciò che ho imparato da questa esperienza:

  • Come riparare i fari
  • Come annullare la piegatura più superficiale
  • Come riparare un vetro rotto

(...)

Suggerimenti utili per la scrittura:

Usa la tua immaginazione: riesci a vedere la scena accadere davanti ai tuoi occhi? Riesci a sentire cosa prova il protagonista?

Se non puoi, neanche il tuo lettore.

Non solo scrivere la tua scena e continuare con i tuoi contenuti, ma leggi, rileggi e modifica la tua storia fino a quando non hai capito bene (è il gancio del tuo post!).

Tecnica di narrazione n. 6: usa un aneddoto ...

... poi fai domande ai tuoi lettori prima di dare consigli sul tuo argomento.

L'aneddoto può venire dalla tua vita, dal tuo lavoro o dalla vita di un'altra persona. Ciò che conta è che lo usi come punto di partenza per guidare il lettore nei tuoi contenuti e fornire le giuste impostazioni per comprendere il tuo messaggio.

Evita le insidie ​​come lunghe parti descrittive e troppi dettagli non necessari: stai usando una storia per trasmettere un messaggio, non stai scrivendo una breve storia.

Esempio (l'argomento è 'come convincere i bambini a mangiare le verdure' per un blog di mamme):

È sempre stato difficile convincere i miei figli a mangiare frutta e verdura. (...)

C'è stata un'occasione in cui mia figlia ha rifiutato un intero pasto perché era a base di verdure. Volevo strapparmi i capelli! (...)

Hai provato anche questo?

Come fai a far mangiare ai tuoi figli i tuoi bambini?

Come abbiamo avuto i nostri figli a mangiare verdure

La soluzione per me è arrivata da mio marito. Ecco come ha funzionato per noi: (...)

Suggerimenti utili per la scrittura:

Rendi il passaggio alla seconda metà del tuo post il più semplice possibile per il lettore, utilizzando più di una domanda o due domande se lo ritieni necessario.

È importante che il lettore risponda a questo primo invito all'azione prima di continuare ad affrontare il tuo argomento o dare il tuo consiglio. Il vantaggio? Mostreranno più interesse per ciò che hai preparato affinché possano leggere e agire.

Questa tecnica di narrazione funziona meglio se aggiungi un secondo invito all'azione alla fine del tuo post, chiedendo ai tuoi lettori di mettere in pratica i tuoi consigli e di condividere le loro storie, proprio come hai fatto con il tuo aneddoto.

Vedi il prossimo punto #7 su come usare le storie dei lettori per i tuoi post.

Tecnica di narrazione # 7. Condividi la storia di un lettore ...

... e rispondi alle domande nel tuo post.

Prendi l'abitudine di chiedere ai tuoi lettori di condividere le loro storie alla fine di ogni post, nei commenti o via email.

Quindi, usa la loro storia per iniziare un nuovo post e assicurati di affrontare tutti i punti necessari per rispondere alla domanda del lettore o per risolvere il loro problema.

A condizione che tu abbia il permesso del lettore di condividere la storia pubblicamente sul tuo blog, puoi usarla come un gancio - e una prova di autentico interesse nell'interazione con i tuoi lettori - per portare più lettori nei tuoi contenuti, che includeranno problemi reali (e risposte a loro) affrontano ogni giorno o hanno bisogno di sbloccarsi.

Esempio (l'argomento è "usare il Web per studiare"):

(...)

In un commento al nostro ultimo post, il nostro lettore Matthew Smith ha scritto:

Finché rimango concentrato sui miei corsi e non vado in giro per il Web per procrastinare, sono a posto ... o almeno così pensavo! Ma in realtà è molto, molto più difficile da fare in pratica senza disciplina. Cosa pensi? Devo provare la tecnica del Pomodoro o qualcosa di simile?

Caro Matthew (e tutti gli studenti che leggono il mio blog), puoi sicuramente provare la tecnica Pomodoro per gestire il tuo tempo di ricerca sul Web, ma lasciami dire questo:

Farai molto meglio se usi Pomodoro insieme a una buona quantità di pianificazione del tempo.

Ad esempio, puoi dedicare 20 minuti da 30 alla ricerca del tuo saggio di Storia, quindi utilizzare i restanti minuti 10 per rilassarti un po 'e goderti una breve conversazione con i tuoi amici su Facebook o guardare un video musicale su YouTube.

(...)

Suggerimenti utili per la scrittura:

Sii selettivo nella scelta delle storie dei lettori e delle domande che usi nei tuoi post: molto probabilmente i lettori faranno molte domande e condivideranno felicemente ogni aneddoto personale che gli viene in mente, ma ricorda che il tuo blog non è un forum e dovresti mettere il tuo pubblico prima serve.

Quindi chiediti: questa storia del lettore è un buon aneddoto da usare in un post su questo argomento? Il resto dei miei lettori apprezzerà e imparerà da questo?

In altre parole, non dimenticare gli altri lettori nello sforzo di soddisfare le esigenze di un singolo lettore.

Esperienze di prima mano

Quali sono anche le tecniche 7 senza il valore aggiunto dei conti in prima persona del potere della narrazione?

Ecco perché, per questo post, ho intervistato Matthew Gates di Confessioni delle professioni e Silvia Gabbiati, assistente medico ed ex-scrittore per riviste italiane, entrambi grandi fan del dispositivo narrativo nella scrittura professionale.

Matthew Gates of ConfessionsOfTheProfessions.com

Matthew Gates ha condiviso le sue opinioni e la sua esperienza con la narrazione:

matthewgatesIl mio sito web ha avuto molto successo a causa del storytellling.

Che sia vero o meno, a tutti piace una buona storia, ma soprattutto: alle persone piacciono le storie alle quali possono relazionarsi e ridere.

Alla gente piace leggere storie in cui si sente come se leggessero di se stesse, perché forse hanno attraversato o stanno attraversando una certa situazione. Cattura quella connessione e avrai un lettore a cui piace davvero quello che scrivi. Tutto ciò di cui hai bisogno è un articolo a cui qualcuno possa relazionarsi ed è probabile che tornerà se sei quel tipo di narratore. Sono sempre stato quel tipo di narratore: quando racconto una storia, mi piace che le persone si relazionino a quello che dico. Altrimenti, la storia è solo noiosa per il pubblico che non riesce a relazionarsi.

Sarebbe come un ricco uomo d'affari, che è nato in una famiglia benestante, non ha mai veramente vissuto le difficoltà di essere al verde o povero, cercando di trasmettere la propria vita a una persona povera. Nessuna persona povera si preoccupa davvero delle lotte di qualcuno che è ricco e ricco, specialmente se ci sono nati. Cerco di raccontare storie come farebbe un comico. L'intera ragione del successo di molti comici è che scelgono argomenti a cui il loro pubblico può riferirsi. Louis CK, che ammiro, è molto noto per questo: è nella sua metà degli 40, divorziato, 2 bambini, con un sacco di problemi quotidiani comuni e situazioni che deve affrontare, e se guardi la sua commedia, ha tutto il pubblico ridendo per tutto il tempo. Non sta dicendo niente di nuovo e di diverso. Sta raccontando al suo pubblico le sue esperienze personali, esperienze familiari, simili e le stesse cose esatte che il suo pubblico pensa o attraversa nella propria vita personale, e si relazionano completamente con ciò di cui sta parlando, e questo è un modo efficace di narrare storie .

Il mio sito Web è nato non solo dalle mie esperienze personali, ma anche dal mio ascolto degli altri e di ciò che hanno vissuto durante il lavoro, nel bene o nel male, e nella stesura di questo. Se un cliente è arrivato e ha dato una mancia a $ 50 o un collega ha provato a pugnalarli alla schiena o il loro capo era uno stronzo. In ogni caso, ognuno ha una storia da raccontare. Il mio motto: se hai mai lavorato un giorno nella tua vita, hai una storia da raccontare.

Ho capitalizzato questo motto ed è così che è nato www.confessionsoftheprofessions.com. Ovviamente non so cosa stanno passando o hanno passato tutti, quindi ho aperto il mio blog per consentire a chiunque di postare. Considero il "mio sito web" il "sito web delle persone". Non è più mio, dato che lo condivido con migliaia di collaboratori, sono solo il moderatore che si assicura che l'articolo sia letto bene, senza errori di ortografia e abbia alcune belle foto per accompagnare l'articolo. Pianifico la data di pubblicazione e vengo inviato al world wide web. Condividendo il mio sito web con altri e aprendolo in modo che chiunque possa contribuire, mi aiuta a continuare a pubblicare articoli su base quotidiana, nonché [incoraggiando] altri a condividere i propri articoli con i loro social network, il che a sua volta mi aiuta a guidare traffico al mio sito web. È tutto un ottimo rapporto reciproco per la condivisione del traffico.

Nel corso degli anni, il sito web è passato da mia madre e la mia ragazza a leggerlo a più di qualche migliaio di visitatori al giorno. Sono solo felice che le persone stiano trovando i miei articoli e apprezzino gli articoli che sto pubblicando. Spero che le persone ottengano molto dagli articoli e che li aiuti in qualche modo nella loro vita personale.

Silvia Gabbiati, assistente medico ed ex-scrittrice

La mia vecchia amica Silvia Gabbiati, assistente medica ed educatrice presso un centro di servizi per anziani a Roma, in Italia, ha accettato un'intervista tramite chat di Facebook sulla sua esperienza passata con la narrazione mentre era una scrittrice per giornali locali come Notizie in Controluce tra 2008 e 2011:

Silvia GabbiatiLuana: So che usi la tecnica di storytelling nei tuoi articoli. Perché questa scelta e quali risultati ti ha portato?

Silvia Gabbiati: La tecnica dello storytelling mi ha permesso di creare sentimenti forti e un fascino emotivo nei lettori: leggendo una storia possiamo identificarci nei valori che offre e acquisire nuovi punti di vista. Il lettore si sente coinvolto nella narrazione credibile di un'esperienza, ancora meglio se proviene dalla vita dello scrittore, in modo che sensazioni, ricordi, riflessioni e pensieri personali inizino a trovare un modo nella mente e nel cuore dei lettori in modo spontaneo. Le narrative hanno sempre avuto un ruolo critico per lo sviluppo della coscienza umana. Credo che questa tecnica, se ben eseguita, abbia un grande potenziale, specialmente per il suo potere di rivelare il volto umano della realtà e delle situazioni descritte nella storia e spesso percepite come asettiche ed emotivamente lontane dal lettore.

Luana: Hai ricevuto feedback positivi dai tuoi lettori o dal tuo editore per l'utilizzo della tecnica di narrazione?

Silvia Gabbiati: L'ho fatto, ma per gli articoli nella loro interezza, non specificamente per la tecnica di storytelling.

Luana: Che tipo di feedback hai ricevuto?

Silvia Gabbiati: A loro piaceva il mio stile di scrittura e in particolare l'umanità trasmessa [nelle storie].

Luana: Che tipo di approccio hai usato per la narrazione?

Silvia Gabbiati: A volte descrivevo situazioni immaginarie, cercando di modellare il profilo del protagonista della storia nel miglior modo possibile per rendere il processo di identificazione [per il lettore] più agile e potente; altre volte ho usato situazioni in cui vivevo in prima persona, ma ho avuto un personaggio alter ego che le viveva [nella storia].

Luana: Quale consiglio importante daresti agli scrittori che vogliono usare la tecnica di narrazione?

Silvia Gabbiati: Prima di tutto, descrivi situazioni reali che susciteranno l'interesse delle persone. A nessuno piace leggere semplici narrazioni senza emozioni né passione nella scrittura! Quindi, descrivi dettagliatamente il contesto, in particolare il protagonista, in modo che il lettore acquisisca familiarità con loro e inizierà a considerarli un amico, qualcuno da cui imparare qualcosa alla fine della lettura. È fondamentale prestare attenzione all'aspetto emotivo.

Letture consigliate: The Brain Audit di Sean d'Souza

Quando ho chiesto ai blogger suggerimenti per la narrazione da includere in questo post, un amico blogger mi ha parlato di questo libro che lo ha aiutato a migliorare la sua scrittura e quadruplicare le sue tariffe con successo.

Le prime pagine 34 di The Brain Audit sono disponibili gratuitamente in formato PDF qui. Li ho letti e posso dirti che il metodo di D'Souza di usare il linguaggio del tuo pubblico per trasmettere il tuo messaggio o offrire (o per raccontare la tua storia) funziona.

C'è dell'altro nel libro, ma il takeaway è che più ti avvicini al tuo lettore, più la tua scrittura costruirà una connessione e alla fine si convertirà.

A proposito di Luana Spinetti

Luana Spinetti è una scrittrice e artista freelance con base in Italia e una studentessa di informatica. Ha conseguito un diploma di scuola superiore in psicologia e pedagogia e ha frequentato un corso annuale 3 in Comic Book Art, da cui si è laureata su 2008. Come una persona sfaccettata come lei, ha sviluppato un grande interesse per SEO / SEM e Web Marketing, con una particolare inclinazione ai Social Media, e sta lavorando a tre romanzi nella sua lingua madre (italiano), che spera di pubblicare indie presto.