Attenzione: non tutte le VPN che funzionano in Cina sono uguali

Aggiornato: 16 settembre 2021 / Articolo di: Jerry Low

Sono passati più di quattro decenni da quando la Cina ha aperto la sua economia. In quel periodo di tempo, la nazione ha allargato le sue ali su tutto, dall'esplorazione petrolifera alla tecnologia. Allo stesso tempo, mantiene una presa molto segreta sulla propria cittadinanza.

Se c'è mai stato un paese in cui sono necessarie reti private virtuali (VPN), è la Cina. Purtroppo il Paese lo sa e si è mosso sia apertamente che in silenzio per solidificarsi la sua presa su Internet.

Il grande firewall cinese

Il China Great Firewall funziona su tre concetti principali: filtro attivo, sondaggio attivo e ridistribuzione del proxy. Insieme, hanno formato un'efficace barriera all'accesso gratuito a Internet in Cina. Ci sono molti siti Web a cui non puoi accedere in Cina, tra cui Washington Post, The Epoch Times, Google, YouTube, Facebook, Twitter o persino Instagram. Queste restrizioni non si applicano solo all'accesso a quei siti Web, ma anche le app non funzioneranno.

Verifica se il tuo sito è bloccato in Cina
Ti chiedi se il tuo sito è bloccato o vietato in Cina? Esegui un controllo rapido utilizzando China Firewall Test di Dotcom-Tools – ti permette di vedere come appare il tuo sito da sei diverse località della Cina continentale.

Stato legale delle VPN in Cina

Anche se non esiste una legge specifica contro le VPN, le politiche cinesi su Internet sono accovacciate in termini che le conferiscono un ampio spettro di poteri. A titolo di esempio, abbiamo esaminato per la prima volta un piccolo segmento di un white paper pubblicato dal governo cinese nel 2010.

Cina Internet Law
Parte del white paper "Stato Internet in Cina"Rilasciato dal governo centrale della nazione. 

Da allora il paese ha consolidato le norme su ciò che chiama Legge sulla sicurezza informatica (CSL), in vigore dal giugno 2017. Entrambi i documenti sono estremamente lunghi e particolarmente vaghi (nel contesto della terminologia di Internet).

Tuttavia, possiamo mettere in relazione parte del contenuto con incidenti verificatisi nel paese per i fornitori di servizi VPN. Ad esempio, il caso dell'uomo del Guangdong che era multato di $ 164 per l'utilizzo di un servizio VPN non approvato.

Nel caso dei fornitori di servizi VPN, le multe diventano più pesanti e un altro uomo che ha venduto servizi VPN in Cina è stato multato di 72,790 dollari e condannato a cinque anni e mezzo di reclusione. È interessante notare che la sanzione equivale a quasi 500,000 RMB esatti, la sanzione massima ammissibile (se abbinata al tempo di reclusione) come previsto dall'articolo 63 della CSL.

Articolo 63 della CSL
L'articolo 63 sembra riguardare direttamente i servizi VPN in Cina.

Crackdown migliorato su provider VPN non approvati

Da allora il Paese ha intensificato gli sforzi per spazzare via l'uso della VPN nel Paese. Fino ad oggi, abbiamo notato che numerosi fornitori di servizi, incluso IPVanish, lo dichiarano apertamente i loro servizi non funzionano più nel paese.

In tempi più recenti, il paese ha sfruttato la pandemia di Coronavirus per reprimere ancora di più le VPN. Gli utenti nel paese lo hanno notato anche i migliori marchi VPN hanno smesso di funzionare durante questo periodo.

Il risultato: affollamento verso VPN di proprietà cinese

Il problema principale con le VPN dal mio punto di vista è che mentre gli utenti comprendono fondamentalmente ciò che fanno, la mancata comprensione delle implicazioni più sottili di ciascun servizio può comportare conseguenze. Ad esempio, non riuscire a imparare le radici di un fornitore di servizi.

Evita le VPN di proprietà cinese

Sono emersi rapporti secondo cui circa il 30% dei principali marchi VPN del mondo lo sono posseduto o associato al governo cinese. In tal caso, il governo centrale potrebbe semplicemente ordinare loro di consegnare i registri degli utenti ogni volta che è necessario.

Come esempio di servizi VPN influenzati dalla Cina, la sola società continentale registrata "Innovative Connecting" possiede da sola filiali che sviluppano e commercializzano app VPN. Questi includono Autumn Breeze 2018, Lemon Cove e All Connected. 

Va notato tuttavia che questa situazione non è unica per la Cina e si verifica in tutto il mondo. Il che mi porta al punto successivo;

Questioni di giurisdizione VPN

A parte l'ovvia domanda di proprietà, in cui è registrata una VPN è importante. Ogni paese ha le sue leggi e normative. Un luogo ideale per un fornitore di servizi VPN sarebbe un luogo che ha una combinazione di rigide normative sulla privacy e leggi lassiste sulla conservazione dei dati.

Esempi di questi potrebbero essere la registrazione delle Isole Vergini britanniche di SurfShark o NordVPN a Panama. Il motivo è che se un paese decide di provare a perseguire un utente VPN, quelli con sede in zone di giurisdizione libera possono semplicemente snobbare le "richieste di informazioni". 

Contrariamente a questo, mi viene in mente il caso di IPVanish, che è diventato famoso pochi anni fa, quando consegnato registri utente su richiesta del Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

E non è solo. Si unisce ad altri che lo hanno fatto anche, incluso HideMyAss e PureVPN, tra i nomi più noti.

VPN sicure che funzionano ancora in Cina

Con la dura repressione dei fornitori di servizi VPN in Cina, ci sono poche opzioni a cui gli utenti possono rivolgersi. In via provvisoria, ho iniziato le indagini segrete su diverse VPN che possono ancora funzionare nonostante le restrizioni della Cina Grande Firewall.

Al momento, ne ho trovati solo due che possono funzionare (più o meno) in modo affidabile all'interno del paese: ExpressVPN e NordVPN SurfShark.

importante Aggiornamenti

Sulla base dei nostri dati di test, indica che le connessioni NordVPN dalla Cina non riescono a raggiungere i server circa il 66% delle volte. Anche se riesci a connetterti, le velocità di download e upload sono basse, rendendolo letteralmente inutile lì. Lo stesso vale per ExpressVPN: nei test recenti (marzo 2021) non siamo riusciti a connetterci e penetrare attraverso il firewall cinese utilizzando ExpressVPN.

SurfShark

SurfShark, come ho detto prima, ha sede nelle Isole Vergini britanniche e ha una rete globale di oltre 3,200 server. Questi sono distribuiti in 65 paesi, quindi c'è una probabilità molto maggiore di stabilità e affidabilità della linea.

L'azienda non ha paura di innovare e infatti è già passata al protocollo WireGuard. Si dice che il nuovo protocollo mostri molte promesse e abbiamo eseguito alcuni test che lo riflettono. Tieni presente, tuttavia, che la latenza rimane la stessa (vedi i risultati dei nostri test di seguito).

Test di velocità SurfShark

PosizioneScarica (Mbps)Carica (Mbps)Ping (ms)
Benchmark (senza VPN)305.78119.066
Singapore (WireGuard)178.55131.56194
Singapore (senza WireGuard)200.4693.3911
Stati Uniti (WireGuard)174.71115.65176
Stati Uniti (No WireGuard)91.3127.23190
Regno Unito (WireGuard)178.55131.56194
Olanda (No WireGuard)170.592.71258
Sudafrica (WireGuard)168.3886.09258
Sud Africa (No WireGuard)47.614.28349
Australia (WireGuard)248.36182.1454

L'ultimo uomo in piedi in Cina

Ancora più importante, test regolari con SurfShark all'interno del Paese suggeriscono che SurfShark è uno dei restanti attori chiave che consente l'accesso illimitato a Internet agli utenti con sede in Cina.

Per coloro che sottoscrivono il loro piano biennale, i prezzi scendono a $ 2.49 / mese grazie a un'offerta speciale che abbiamo ottenuto dall'azienda. Sebbene non sia il più economico in circolazione, abbiamo monitorato questo fornitore di servizi da un po 'di tempo e troviamo che sia l'opzione più affidabile.

Maggiori dettagli nella nostra recensione di Surfshark.

Fai attenzione alle VPN gratuite

Come suggerisce la copertura, la libera nel contesto di un servizio VPN è generalmente pericolosa. Tieni presente, tuttavia, che ci sono servizi VPN gratuiti al 100% e quelli che offrono un modello freemium.

La prima opzione è dove sta davvero il pericolo. I servizi VPN richiedono un ingente investimento in hardware, software ed esperienza. Le aziende che lo stanno regalando devono guadagnare denaro in qualche modo e l'unica cosa che ha è l'accesso ai tuoi dati. 

Anche se queste VPN gratuite non vendono i tuoi dati, per lo meno guadagnano dagli annunci pubblicitari, il che vanifica lo scopo di una VPN poiché tali annunci probabilmente ti tracceranno mentre utilizzi il servizio.

Considerazioni finali

Mentre il caso della Cina e i suoi repressioni sui fornitori di servizi VPN potrebbero essere i più importanti che abbiamo visto, non sono i soli a cercare di impedire l'accesso gratuito a Internet. Le VPN sopravvivono perché più paesi in tutto il mondo stanno cercando di censurare ciò che dovrebbe essere gratuito.

Riesci a immaginare di vivere in un paese come la Cina che blocca l'accesso a qualcosa di semplice come Google? O persino negli Stati Uniti, dove il governo decide liberamente di poter cogliere qualsiasi informazione gli piaccia da qualsiasi azienda che vi opera?

Il diritto alla libertà digitale e la nostra privacy personale su Internet dovrebbero essere inviolati. Ecco perché scegliendo il giusto servizio VPN collaborare è una scelta così importante. Va ben oltre il desiderio di accedere a contenuti multi-regione su Netflix.

A proposito di Jerry Low

Fondatore di WebHostingSecretRevealed.net (WHSR) - una recensione di hosting fidata e utilizzata dagli utenti di 100,000. Più di 15 anni di esperienza in web hosting, affiliate marketing e SEO. Collaboratore di ProBlogger.net, Business.com, SocialMediaToday.com e altro.