10 semplici trucchi per proteggere il tuo sito Web WordPress dagli hacker

Articolo scritto da: WHSR Guest
  • Sicurezza
  • Aggiornato: ottobre 13, 2020

Il fatto che il tuo sito venga violato può essere uno dei peggiori incubi di tutti i proprietari di siti web. Essendo open-source e il sistema di gestione dei contenuti (CMS) più popolare nel settore (contabilità per 38.1% dei siti Web), è naturale che WordPress sia più vulnerabile degli altri.

In effetti, lo sapevi che ci sono quasi 90,000 attacchi sui siti WordPress ogni due minuti? Questo può essere abbastanza motivo di preoccupazione per molti proprietari di siti, per non dire altro. Fortunatamente, molte correzioni facili da eseguire possono proteggere il tuo sito di e-commerce dagli attacchi.

Per risparmiarti il ​​fastidio, ecco dieci modi per proteggere il tuo sito Web WordPress dagli hacker.

1. Optare per un fornitore di host di qualità

Puoi considerare il tuo host web come la strada in cui vive il tuo sito web. La reputazione e la sicurezza dell'host determinano la sicurezza del tuo sito web. Come regola generale, considera un host web di qualità che aggiorna continuamente i propri servizi e strumenti.

Inoltre, assicurati che l'host offra supporto 24 ore su 7, 365 giorni su XNUMX, XNUMX giorni all'anno. In questo modo, avrai l'assistenza necessaria nel caso in cui le cose non vadano bene. Prova a stare lontano da provider di hosting economici come, nella maggior parte dei casi, potrebbero compromesso su qualità e sicurezza.

Suggerimento: vuoi sapere chi ospita il tuo sito web preferito? Utilizzare lo strumento di verifica del sito su WHSR per rivelare informazioni sull'infrastruttura e sulla tecnologia web di qualsiasi sito web.
Suggerimento: vuoi sapere chi ospita il tuo sito web preferito? Utilizzare lo strumento di verifica del sito su WHSR per rivelare informazioni sull'infrastruttura e sulla tecnologia web di qualsiasi sito web.

2. Mantieni aggiornato il tuo sito

Aggiornare regolarmente il tuo sito web può aumentare le sue prestazioni e ridurre le possibilità di violazioni della sicurezza. Idealmente, è una buona pratica tenere sotto controllo gli aggiornamenti disponibili ogni mese.

Per verificare gli ultimi aggiornamenti, vai al menu Aggiornamenti sulla dashboard. 

3. Stai lontano dai temi annullati

Uno dei metodi efficaci per proteggere il tuo sito Web WordPress dagli hacker è scegliere con giudizio un tema.

Sebbene i temi gratuiti possano farti iniziare gratuitamente, hanno opzioni e personalizzazione inferiori rispetto ai temi premium. Inoltre, i temi premium vengono sottoposti a più controlli WordPress prima di essere presentati e garantiscono il pieno supporto da parte degli sviluppatori.

Per risparmiare qualche soldo, ottenere una versione crackata di temi premium disponibili tramite mezzi illegali potrebbe sembrare allettante. Ma l'atto stesso può metti il ​​tuo sito web ad alto rischio. Questi temi possono contenere malware in grado di sfruttare il tuo database in pochi secondi. Stai lontano da questi temi con tutti i mezzi.

4. Salvaguardare il file wp-config.php

Il file wp-config.php contiene informazioni cruciali sull'installazione di WordPress ed è uno dei file essenziali nella directory principale del tuo sito web. Per rendere il file inaccessibile agli hacker, prova a spostarlo a un livello superiore rispetto alla directory principale.

5. Passare a HTTPS

HTTP è un protocollo che consente di trasferire informazioni tra qualsiasi browser e il tuo sito web. Tuttavia, presentava alcune falle di sicurezza ed era suscettibile all'intercettazione dei dati da parte degli hacker.

HTTPS risolve i problemi di sicurezza associati a HTTP e protegge le informazioni sensibili sui clienti gestite dal tuo sito web. Per passare a HTTPS, devi prima richiedere un file Certificato SSL / TLS. Anche se la maggior parte dei provider di hosting web fornisce certificati SSL, puoi ottenerne rapidamente uno online.

6. Diffidare dei plugin che aggiungi

Sebbene i plugin prontamente disponibili siano una caratteristica interessante di WordPress, può essere disastroso se si opta per quelli sbagliati. Gli sviluppatori con la minima esperienza nella creazione di plug-in potrebbero finire per crearne di insicuri e inaffidabili.

Per assicurarti di scegliere il giusto set di plugin, controlla sempre le recensioni dei clienti, il numero di download e se vengono aggiornati frequentemente. Puoi anche visitare il Database delle vulnerabilità di WPScan WordPress e Exploit Database Archive di Offensive Security per verificare se un plugin è vulnerabile. 

Inoltre, prendi l'abitudine di aggiornare regolarmente i tuoi plugin insieme al tema del tuo sito.

7. Non consentire la modifica dei file

Se un hacker ottiene l'accesso come amministratore, una delle prime cose che farà è modificare o eliminare i file del tuo sito web. Per file, intendiamo qualsiasi file relativo alla tua installazione di WordPress, concesso agli hacker l'accesso come amministratore.

Per evitare che ciò accada, puoi disabilitare la modifica dei file in modo che nessuno possa modificare nessuno dei file. Per questo, verso la fine del file wp-config.php aggiungi:

define ('DISALLOW_FILE_EDIT', true);

8. Limitare i tentativi di accesso

Per impostazione predefinita, i siti Web di WordPress consentono agli utenti di eseguire tentativi di accesso più volte. Sebbene questo possa salvarti la vita quando hai difficoltà a ricordare la tua password, è un'opportunità per gli hacker di danneggiare il tuo sito web a livelli irreparabili.

Prova a limitare i tentativi di accesso a un numero integro e potresti risparmiare il fastidio di essere violato. Puoi usare un plugin come Accedi LockDown, Limita tentativi di accesso ricaricati, o Tentativi di accesso con limite WP per registrare l'indirizzo IP per ogni tentativo di accesso non riuscito e limitare il numero di tentativi.

9. Modificare il nome utente dell'amministratore

Durante l'installazione di WordPress, la maggior parte dei proprietari di siti potrebbe continuare a utilizzare il nome utente dell'amministratore come "admin". Gli hacker sono pienamente consapevoli di tali casi e dovranno quindi concentrarsi sulla ricerca della sola password.

Assicurati di non utilizzare mai "admin" in nessuno dei nomi utente. Inoltre, mentre scegli un nome utente e una password di amministratore, stai lontano da nomi facili da indovinare e usa qualcosa di completamente estraneo e indovinabile. Se è troppo difficile da memorizzare, annotalo da qualche parte o utilizza un gestore di password.

10. Utilizza un plugin per la sicurezza di WordPress

Controllare regolarmente il tuo sito web alla ricerca di malware può richiedere molto tempo, per non parlare stancante, soprattutto se hai una conoscenza minima della programmazione. Fortunatamente, sono disponibili numerosi plugin per la sicurezza di WordPress che scansioneranno e monitoreranno il tuo sito web 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX. Sucuri, Wordfence, jetpack e Sicurezza Ninja sono ottimi esempi di plugin per la sicurezza di WordPress.

Bottom Line

È difficile proteggersi completamente dagli hacker poiché gli esperti di WordPress identificano le nuove vulnerabilità ogni giorno che passa. Tuttavia, questi dieci ottimi modi per proteggere il tuo sito Web WordPress dagli hacker possono senza dubbio ridurre le possibilità che il tuo sito venga violato a causa di vulnerabilità comuni. 

È particolarmente importante aggiornare e monitorare periodicamente il tuo sito di e-commerce poiché un sito Web compromesso consumerà ore o addirittura giorni della tua vita cercando di riparare i danni.


Informazioni sull'autore: Samuel Griffith

Samuel Griffith è uno sviluppatore web esperto e fondatore di SamBuildsSites.com. Ha maturato la sua esperienza in Web Hosting, Content Management, Website Design e Development. Le sue intuizioni sugli ultimi avvenimenti nel settore tecnologico sono state presenti in alcuni dei popolari blog su Internet. Aiuta i suoi clienti a costruire il sito web dei loro sogni.

Informazioni su WHSR Guest

Questo articolo è stato scritto da un collaboratore ospite. Le viste dell'autore di seguito sono interamente sue e potrebbero non riflettere le opinioni di WHSR.