Come impedire al tuo blog di far causa

Articolo scritto da:
  • Suggerimenti per il blog
  • Aggiornato: Lug 07, 2014

Disclaimer: deposito foto prodotto fornito in cambio di revisione. Tutte le opinioni sono mie.

0516-1

Best practice per la divulgazione FTC e altre insidie ​​legali

In 2009, l' Federal Trade Commission (FTC) ha pubblicato le linee guida legali per i blogger da utilizzare quando si scrivono post sponsorizzati in cambio di compensi o prodotti. A maggio, 2013, hanno aggiornato tali linee guida per includere i social media e condiviso più consigli su come gestire questi tipi di post. (Puoi scarica il documento ".com Disclosures".) Da lungo tempo blogger, vedo un sacco di domande su questo argomento, e vedo anche molti errori comuni che possono portare i blogger in problemi legali al di fuori di questi problemi. Stabilirò le cose in modo chiaro condividendo con te l'elenco delle migliori pratiche per i blogger per proteggersi da azioni giudiziarie o problemi legali.

Blogging per risarcimento

Per prima cosa definiamo un post sponsorizzato.

Questo è l'atto di scrivere un post sul tuo blog approvando un prodotto in cambio di una commissione. La FTC richiede che dichiari esplicitamente quando hai scritto un post sul tuo blog a pagamento. Un post di revisione che hai fatto in cambio di un prodotto è ancora considerato un risarcimento, ma non è chiamato un post sponsorizzato. Ciò significa che è ancora necessario dichiarare di aver ricevuto un prodotto in cambio della revisione. Anche la FTC vuole che tu lo dichiari prima qualsiasi link al prodotto o al sito dello sponsor - o, più precisamente, vogliono che tu lo comunichi in modo che la divulgazione sia chiara e connessa al tuo link, piuttosto che una divulgazione proprio in fondo al tuo post, che potrebbe non essere vista dai lettori . Il modo più logico per pensarci è che stai pubblicizzando questo sponsor o prodotto e vuoi che i tuoi lettori siano consapevoli che si tratta di una forma di pubblicità prima di fare clic sul loro sito. (Questo è in diretto contrasto con quando stai semplicemente indicando un sito o un prodotto che ti piace da solo, e non è richiesta alcuna divulgazione o posizionamento).

È stato raccomandato di mettere una linea sulla sponsorizzazione nella parte superiore del tuo blog in questo modo:

Sponsored post verbosità per la parte superiore del post
Esempio di sponsorizzazione menzionato prima e vicino al link del prodotto. Include "#ad" nel titolo per la promozione automatica dei social media.

E poi un altro riferimento in fondo, soprattutto se vuoi maggiori dettagli, come le opinioni personali, è bene postare:

Sponsored post verbosità per il fondo
Annotazione corretta in fondo al post. L'esempio è sia per la compensazione che per il prodotto ricevuto.

immagine post sponsorizzata

Vi consiglio anche di utilizzare un link "nofollow" qui perché possono essere le ramificazioni del motore di ricerca se non lo fai. Inoltre, è perfettamente adatto per creare un'immagine (se sei preoccupato per il contenuto di testo duplicato) da utilizzare in questi casi, ma il riferimento superiore e quello inferiore si applicano ancora.

Divulgazione e social media

I lettori devono essere consapevoli che questo requisito di divulgazione è necessario anche quando condividi il tuo post sui social media. Inoltre, molte persone usano l'hashtag "spon" o "sp" con i loro social media, per sottolineare cosa è un post sponsorizzato o rimborsato, tuttavia, la FTC ritiene che questo non sia chiaro, in quanto i lettori potrebbero non sapere quali sono questi termini si intende. Preferiscono che tu usi l'hashtag "#ad" o "#paid", perché è breve e chiaro. Di nuovo, la FTC preferisce che l'hashtag sia inserito prima di qualsiasi link. La preoccupazione è che i lettori possano distrarsi prima di vedere le informazioni di sponsorizzazione, link, informazioni o foto. Deve essere veramente chiaro e visibile e deve apparire sui social media ogni volta che lo si invia. Ciò significa che se si attiva automaticamente, è necessario inserire "#ad" o "#paid" nel titolo (vedere la prima immagine). Naturalmente, se il tuo tweet reclama la sponsorizzazione stessa (cioè "ti viene presentata da"), allora non hai bisogno dell'hashtag, ad esempio:

Disney mi ha comprato un weekend nel loro resort, ecco la mia recensione!

A mio parere, è meno elegante di #ad o #paid, ma se riesci a formularlo correttamente, potrebbe essere più adatto al tuo stile di scrittura.

Infine, le informazioni o le affermazioni fornite dal venditore devono essere contrassegnate come tali. Un esempio: "Questo supplemento afferma che può supportare la perdita di peso. Ecco la mia esperienza. "Questo è preferibile piuttosto che" Il supplemento ti aiuterà a perdere peso ", a meno che tu non abbia un sostegno peer-reviewed (cioè l'approvazione della FDA).

Uso legale delle immagini

foto di deposito

Una tendenza che continuo a vedere nella blogosfera è l'uso illegale di immagini protette dal copyright. Se ti è stato commissionato un contratto per recensire un prodotto, è necessario scattare le tue foto del prodotto o disporre di copie di copyright disponibili dalla società stessa. (Non puoi essere sicuro di una terza parte, quindi se stai lavorando con una ditta di pubbliche relazioni, è meglio attenersi alle tue foto.) Revisionare i clienti spesso vogliono vedere te o la tua famiglia e i tuoi amici interagire o utilizzare il prodotto in in qualche modo.

La linea di fondo per l'utilizzo delle immagini online in generale è la seguente: se non hai scattato la foto da solo, non possiedi il copyright. La buona notizia è che ci sono fonti gratuite in cui è possibile ottenere immagini legali gratuite da utilizzare sui tuoi post. Eccone alcuni:

  1. Depositare foto Questa risorsa ha una vasta collezione di fotografia d'archivio. Puoi abbonarti per immagini 5 al giorno per $ 69 al mese (o meno se acquisti mesi in serie), che è relativamente conveniente in termini di stock photography, o pagare mentre vai crediti, a partire da $ 32 per $ 30 crediti . Questa è una delle risorse fotografiche più economiche che troverai.
  2. Borsa Valori Questo è un ottimo servizio dove le persone pubblicano foto gratis. Assicurati di leggere le licenze su di loro, ed è normale cortesia registrarsi per un account e dire al fotografo dove e come li stai usando. Assicurati che non sia richiesto un credito se stai usando questi.
  3. FreeDigitalPhotos.net Questo sito offre una buona selezione di immagini, tuttavia, è necessario accreditare il fotografo con un link alla sua pagina, e si può solo scaricare la dimensione più piccola gratuitamente, ma comunque una grande risorsa in un pizzico.
  4. Wikiepedia Commons & Creative Commons avere una selezione di foto e altri oggetti, ma ancora una volta, spetta a voi leggere la licenza. Anche se è una foto di dominio pubblico, potrebbe avere alcune restrizioni. Puoi anche utilizzare le foto di pubblico dominio; Wikipedia ha una vasta lista di risorse dove trovare foto di pubblico dominio.

L'uso delle tue foto è il percorso più sicuro, tuttavia, non puoi pubblicare legalmente foto dei volti di altre persone (diversi dai tuoi figli sotto 18) senza la loro autorizzazione. Stai lontano anche da marchi e marchi. E infine, potresti voler pensarci due volte sull'uso delle foto della tua famiglia, o almeno impostare alcuni limiti. Una foto di te che allatta o di tuo figlio in nient'altro che un pannolino può sembrare una grande idea in quel momento e non è illegale, ma dovresti considerare se può tornare a perseguitare te o tuo figlio in un secondo momento. Per proteggerti, puoi utilizzare un marchio di copyright o una filigrana con il tuo nome, il nome del blog o il nome dell'azienda su tutte le tue immagini.

Utilizzare e curare i contenuti legalmente

Da molto tempo blogger, è difficile credere che non tutti vogliano che tu condivida i loro contenuti sul tuo sito Web, ma è vero. Recentemente ho lavorato con un cliente, che ha trovato un articolo da una fonte, solo per scoprire che la fonte aveva delle regole sul suo contenuto che veniva usato a fini di lucro. Dato che sono stato pagato è stato quello di scrivere l'articolo, e l'articolo stesso avrebbe venduto un marchio, ho sentito che usare una citazione era una violazione delle loro regole e detto al cliente.

Se stai curando i contenuti, come puoi essere sicuro di farlo senza violare il copyright? Prima di tutto, scopri se il sito web ha un'area chiamata "Condizioni d'uso" o "Contenuto". Generalmente elencano le regole che hanno sull'uso del loro contenuto e su come attribuirlo. Se non trovi un'area del genere, è comunque responsabilità dell'utente cercare nel sito e trovare le linee guida. Infine, è buona norma contattare l'autore o il proprietario del blog o l'editore, se è possibile, per fargli sapere come stai facendo riferimento a loro. Se hai un blog visibile o un vasto pubblico di destinazione, molti blogger e autori sarebbero felici di condividere le loro informazioni in modo positivo. Assicurati di dire loro se stai lavorando su un argomento controverso. E una parola di cautela: se usi le informazioni in modo tale che non vuoi parlarne, non usarle affatto.

Queste sono le basi che devi conoscere per mantenere il tuo blog legale se stai scrivendo per un qualche tipo di compenso o usando contenuti e immagini che hai trovato online. Se sono coinvolti pagamenti o prodotti, ciò modifica l'ambito di ciò che stai scrivendo e richiede divulgazione o autorizzazione. Se si utilizzano immagini e contenuti, questo non è il proprio, è necessario disporre dell'autorizzazione del copyright e dell'autorizzazione dell'autore.

Immagine di credito: http://www.morguefile.com/creative/manuere

A proposito di Gina Badalaty

Gina Badalaty è proprietaria di Embracing Imperfect, un blog dedicato a incoraggiare e assistere le mamme di bambini con bisogni speciali e diete con restrizioni. Gina ha scritto blog su genitori, allevare figli con disabilità e vivere senza allergie per oltre 12 anni. È un blog di Mamavation.com e ha firmato per grandi marchi come Silk e Glutino. Lavora anche come copywriter e ambasciatrice del marchio. Adora dedicarsi ai social media, viaggiare e cucinare senza glutine.

Collegare: