Impara come essere un blogger con "coraggio" da questa (SEO) sfida fallita

Articolo scritto da:
  • Suggerimenti per il blog
  • Aggiornato: Apr 30, 2017

Sei un blogger con "budella"?

Avvio di un blog può essere difficile; guadagnare un pubblico può essere ancora più difficile.

Ma quando decidi di sfidare una figura popolare o un concetto, vedrai che le cose iniziano a cambiare.

Potresti diventare la prossima faccia buona o cattiva nella tua nicchia, un blogger leader nella cultura nel tuo mondo di nicchia, o anche solo colui che è andato in controcorrente e ha aiutato a vedere oltre i modi popolari.

Ecco come ha funzionato per me e cosa ho imparato dalla mia fallita sfida SEO.

(PS Non è un vero fallimento, leggerai perché)

April 2014: Come ho sfidato Matt Cutts a penalizzare il mio progetto "Circle sponsorizzato"

I lettori di WHSR possono conoscere le mie opinioni su Google e il suo approccio alla comunità dei webmaster da il post che ho pubblicato l'anno scorso come reazione alla penalità su MyBlogGuest.

Non "odio" Google, ma ammetto di non apprezzare il potere che esercita su webmaster e SEO e non approvo personalmente il modo in cui applicano le linee guida alla comunità dei webmaster.

Così, ho deciso di mettere le mie opinioni nel gioco e divertirmi: Ho lanciato una sfida a Matt Cutts su Twitter:

mattcutts-sponcirchallenge

Una cosa che dovresti sapere è che ho pubblicato la mia sfida in risposta alla dichiarazione di orgoglio di Matt per il team di webspam di Google Japan per la loro azione su sette reti di link nell'arco di pochi mesi.

Mi è sembrato giusto usare questa opportunità per esprimere la mia idea, perché lo credo fermamente link building è una buona pratica di marketing, non importa cosa ne pensi Google. Mentre il link building stesso ha deviato a volte per ottenere semplicemente il "succo" di PageRank invece di aiutare l'utente, vietare l'intera pratica - e le reti costruite intorno ad esso - mi è sempre sembrato esagerato.

È qui che la mia comunità pubblicitaria, allora fiorente, doveva avere un impatto. Anche se piccolo, ogni pezzo del labirinto è stato abbinato.

sponcirproject
Come appariva la mia homepage della comunità pubblicitaria

Obiettivi di My SEO Challenge e How I Failed Them (Not)

Quando ho deciso di sfidare Google per penalizzare la mia comunità pubblicitaria neonata, avevo in mente più di un obiettivo.

Volevo:

Ho scelto una sfida SEO perché è stata significativa per il mio caso: in un mondo di blog in cui tutti insistono continuamente per evitare i rigori di Google di qualsiasi tipo, sono andato a cercarne uno.

Con un atteggiamento "portalo avanti", sì.

Se il sito web dovesse ricevere una sanzione o meno, ho pensato, il messaggio era già là fuori che qui c'è un webmaster che non ha paura e che colloca i suoi valori altrove, ma Google.

Sapevo di non essere solo, ma solo pochi di noi hanno osato parlare (Tad Chef di SEO 2.0 è un buon esempio di un blogger esplicito).

Ho anche avuto Ann Smarty seguendo e tifando per il mio progetto:

Stavo tenendo d'occhio la sfida fin dal primo giorno. Penso che Matt sia scomparso dalla scena poco dopo l'avvio della sfida (potrei sbagliarmi). Non sono sicuro che Matt abbia mai risposto o reagito in alcun modo. Penso che sia stata una bella idea ed ero curioso di vedere dove stava andando!

Quindi ecco come ho cercato di raggiungere i miei obiettivi:

Per prima cosa, ho cercato di ottenere una punizione sponsorizzata da Circle

Come ho scritto in la cronaca della mia sfida su n0tSEO.com, Ho provato un sacco di trucchi cappello grigio e nero per innescare una penalità manuale:

  • Ho riempito le parole chiave nel footer
  • Aggiunti collegamenti nascosti ai siti Web penalizzati che possiedo
  • Ho usato il testo dell'ancoraggio di spam
  • Ho creato un sottodominio spoof su un altro dominio che possiedo con testo senza senso generato tramite Generatore di Gibberish e ha aggiunto collegamenti con spam a Circle sponsorizzato
  • Sono entrato in una directory di collegamenti che richiedeva il funzionamento di scambio di link

Mi sono tenuto a miglia di distanza dalle tecniche che avrebbero ostacolato l'esperienza degli utenti, perché era solo Google che volevo spaventare, non le persone.

Ma, come sfida-seguace Philip Turner mi ha detto che quando gli ho chiesto feedback, sembra che "Google aggiunge solo penali di revisione manuale ai siti che credono veramente stiano cercando di giocare al sistema, o che infrangono regole molto specifiche, ad es. Testo invisibile. "

Altri metodi che ho usato per innescare una penalità manuale sono stati un po 'più subdoli, come quando ho segnalato il mio sito web per spam due volte, in ottobre 2014 e febbraio 2015:

google challenge

Ho anche provato con una penalità algoritmica

Poiché utilizzo tattiche di cappello nero / grigio, speravo che l'algoritmo di Google riprendesse i miei trucchi e declassasse il Circolo sponsorizzato se il team di Google Webspam non fosse venuto a penalizzare manualmente il mio sito Web.

Non ha funzionato ...

Ed è probabilmente a causa di cosa David Leonhardt di THGM Content Marketing, anche un seguace della mia sfida, dice:

“Ho imparato che gli elefanti raramente prestano attenzione ai topi che giacciono accanto a loro. Se fossi BMW o Citibank, o se stessi guidando un traffico serio (e quindi una vera minaccia per l'integrità dell'algoritmo di Google), probabilmente saresti su un nome di base con una varietà di penalità. "

Ann Smarty ha aggiunto anche un commento:

"Non pensavo che Google l'avrebbe penalizzata. Immagino che se il sito avesse effettivamente iniziato a funzionare e facendo progressi aiutando le persone a creare collegamenti, Google sarebbe più interessato a rintracciare gli utenti. Sono sicuro che ce l'avevano nella lista "tieni d'occhio" ma penalizzarla prima che si lanciasse non avrebbe realizzato nulla. Hanno bisogno di stampa, storie spaventose ed esempi per chiarire la questione! "

Cercare di ottenere la penalizzazione di Circle sponsorizzato è stato sicuramente un duro lavoro, molto più che rimuovere una penalità esistente a questo punto.

... MA non ho ancora fallito

Pensaci:

  • Ho dato a Google almeno un'occhiata sospettosa al mio sito web
  • Ho mostrato alla community dei webmaster quanto è bello non aver paura di Google
  • ho costruito traffico di riferimento attraverso interazioni con la comunità di webmaster
  • Ho intrattenuto e de-stressato la comunità con una sfida divertente e significativa
sponcirstats
Statistiche del traffico sponsorizzate da Circle per maggio-giugno 2015

David Leonhardt dice della mia (fallita) sfida SEO:

[It] certamente ti colloca nel più divertente percentile dei blogger. Quanti topi prendono tempo per solleticare l'elefante che dorme accanto a loro? (I canadesi riconosceranno l'immagine). Immagino che Matt Cutts non ti abbia mai richiamato? Peccato, visto che a volte si diverte anche un po '.

Oh, penso che Matt Cutts abbia fatto una bella risata della mia sfida, ma no, non è mai tornato da me. Abbiamo avuto degli scambi sciocchi e amichevoli tramite Twitter (è una brava persona, qualunque cosa io pensi dei suoi "insegnamenti").

E ho ancora raggiunto i miei obiettivi, dopotutto.

Cosa puoi imparare dalla mia esperienza?

1. Essere un blogger con "coraggio" significa sfidare lo status quo

Quando qualcosa funziona ed è popolare (come Google), può sembrare strano andare contro.

Come blogger che non appartiene ai grandi nomi degli influencer, ero ben consapevole del mio status quo: come hanno detto Philip Turner e David Leonhardt, sono un topo, una piccola figura rispetto a Matt Cutts o a chiunque Il team di webspam di Google.

Tuttavia, come la vita è in continua evoluzione, è bene sfidare lo status quo e portare un po 'd'aria fresca alla tua nicchia, o anche solo alla tua comunità immediata, quella che hai costruito intorno al tuo blog e alla tua rete di colleghi blogger e professionisti.

Penso che sia saggio ricordare che tutti hanno iniziato come un "topo" - anche i grandi nomi del settore. Sono persone come noi, solo con molta più fama e competenza.

Come tutti, hanno guadagnato un nome nel momento in cui hanno usato il loro "coraggio" per portare un cambiamento nei loro campi.

Ogni blogger può contribuire a portare un cambiamento, non importa quanto piccolo. Anche tu.

2. Significa fare la differenza per te stesso e gli altri

In effetti, nulla può cambiare finché non ci provi.

Il tuo "coraggio" potrebbe non meritarti il ​​prossimo premio Nobel o trasformarti nella persona giusta nel settore del marketing, ma potrebbero renderti quello che porta nuove prospettive e idee alla tua rete immediata, ai tuoi follower e ai tuoi lettori.

David Leonhardt mi ha detto che la mia sfida è stata sicuramente divertente e concorda sul fatto che ho avuto successo in uno dei miei obiettivi: "de-stressare" il mondo dei blog e dei webmaster dalla ben nota e paralizzante paura di Google.

Questo è un cambiamento che ha significato molto per la mia sfida: ha fatto la differenza, anche se piccola.

Ma a quanto pare, questa piccola differenza significa molto di più per il mio progetto complessivo rispetto a ricevere una sanzione da parte del Circolo sponsorizzato di Google - aiutare a dissipare le paure degli altri blogger e far loro sorridere è molto più importante dell'orgoglio di vedere penalizzato il mio sito web.

Se devo essere ricordato per questa sfida, allora è questo aspetto per cui voglio essere ricordato.

3. Significa creare connessioni e costruire una comunità

O per espandere il tuo attuale (s).

È quello che mi è successo nel momento in cui ho deciso di intervistare Ann Smarty e Sana Knightly per il mio ebook per gli inserzionisti del Circle sponsor e poi ho scelto di portare il progetto su MyBlogU per trovare più esperti da intervistare: la mia piattaforma è diventata improvvisamente più grande e ho avuto più persone interessato al mio progetto e alla mia sfida.

Una sfida ti porterà ad interagire di più con le persone nella tua nicchia, ti farà parlare e pianificherà insieme, condurrà a nuove amicizie e relazioni d'affari.

Se hai solo una manciata di lettori sul tuo blog, scoprirai che la tua popolarità crescerà esponenzialmente con una sfida.

4. Significa che anche il fallimento può nascondere il successo

Potresti fallire un grande obiettivo, ma è improbabile che non raggiungerai almeno alcuni obiettivi più piccoli. Potresti non vincere la tua sfida, ma avrai comunque avuto un impatto.

Ho fallito il mio grande obiettivo di convincere Google a penalizzare la mia community pubblicitaria, ma ho raggiunto diversi obiettivi più piccoli, dall'invio di un messaggio positivo alla community alla costruzione del traffico senza motori di ricerca.

Prendi anche la crescita personale e il valore educativo dei tuoi sforzi (per te stesso e per gli altri) - l'esperienza di prima mano insegna molto di più della filosofia.

Non aver paura di sfidare le persone nella tua nicchia

Sono esseri umani come te e me - solo con più esperienza, fama, esperienza e forse fortuna.

Sono comunque esseri umani, non divinità. Potrebbero apprezzare e apprezzare la sfida, soprattutto se si tratta del "fattore divertente" e non assumono con arroganza.

E alla fine della giornata, penso che Matt Cutts abbia avuto una bella risata riguardo alla mia sfida SEO, poiché il suo scopo era più psicologico di quello relativo al campo del SEO. La risposta che mi ha dato su Twitter in qualche modo mi dice che anche lui aveva accettato la sfida con umorismo.

Quindi non aver paura di sfidare le persone nella tua nicchia. Fallo gentilmente e rendi chiari i tuoi obiettivi fin dal primo giorno.

Come essere un blogger "With Guts" - Una guida rapida

Alcuni suggerimenti praticabili in cinque passaggi!

1. Monitora i problemi nella tua nicchia

Tieni d'occhio le più importanti agenzie di stampa, forum e blog nella tua nicchia. Guarda le notizie per problemi noti e meno noti.

Qualsiasi problema nella tua nicchia può essere una buona base per una sfida se hai opinioni precise su di esso.

Ho scelto le penalità di Google per le reti di collegamento (problema) e la mia posizione contro qualsiasi tentativo di limitare le forme di marketing sulla base del pregiudizio (opinioni) di un'azienda perché le ho trattate spesso nel corso degli anni, sia per me che per i miei clienti, quindi era un terreno ben noto di cui avevo punti di vista specifici e ben definiti.

2. Scegli un problema per costruire la tua sfida

Cosa ne pensi di un certo problema? Quali sono i tuoi sentimenti a riguardo? Cosa puoi dire che gli altri non hanno ancora detto (o solo una minoranza ha parlato o contro)? C'è un bisogno non detto che potresti rispondere?

Metti in gioco le tue opinioni!

Ho scelto di sfidare Google per penalizzare la mia community pubblicitaria perché ho visto una paura crescente e paralizzante dei rigori di Google in merito alla pubblicità, al link building e al guest blogging, quindi volevo contribuire a dissipare quella paura cercando quello che tutti cercavano di evitare.

3. Contatta le persone che sfidi e coinvolgi la comunità

Idealmente, le persone che scegli di sfidare aiuterebbero con la sfida, ma anche se non lo fanno, assicurati di essere almeno reattivo al riguardo.

Una parola di cautela da parte di David Leonhardt e Ann Smarty per sfidare i grandi nomi del settore:

Se la tua attività dipende davvero dal sito Web, non fare nulla di rischioso. Ma creare un sito come parco giochi per testare le cose e divertirsi un po 'lungo la strada può essere un hobby gratificante. - David

La triste verità è che è una lotta senza possibilità di vincere. Non spenderei tempo ed energie a combattere le grandi imprese del settore: non credo ne valga la pena. - Ann

Tuttavia, se vincere la sfida non è la tua priorità, ma è semplicemente il messaggio che vuoi inviare, sfidare.

La tua comunità può contribuire alla tua sfida, non solo a rallegrarla. Per esempio, la community che ho costruito intorno a Circle sponsor ha partecipato a chat bi-settimanali / mensili Ho installato il sito Web. Hanno contribuito attivamente al progetto.

4. Crea contenuti intorno alla tua sfida e sfrutta i social media

Messaggi degli ospiti, comunicati stampa, contenuti di marketing, chat dei social media e videoritrovi, altre piattaforme: c'è un sacco di contenuti che puoi creare sulla tua sfida per coinvolgere più persone fuori dalla tua comunità e diffondere la voce.

Ancora più importante, questo contenuto e la sua promozione è un buon modo per sondare il Web sulle tue idee e guardare le reazioni degli altri.

Il feedback è particolarmente utile per spingere la tua sfida in avanti o ripensare ad alcuni dei tuoi approcci. L'interazione migliora sempre i progetti.

5. Ringrazia i nomi che hai sfidato e la community

Dire "grazie" non è solo un modo per essere gentili e apprezzare la collaborazione degli altri - è anche un modo per lasciare un'impressione positiva su coloro che hai sfidato e che ti hanno aiutato attraverso i tuoi sforzi (la tua comunità).

Essere grati aiuta a rafforzare le relazioni e costruirne di nuove.

Soprattutto, essere grati ti rende l'essere umano e il blogger che vuoi essere.

Il destino di My Advertising Community Project e Google

Il progetto è iniziato con buone intenzioni e un team di tre persone, ma poiché i problemi di salute e gli impegni di lavoro hanno ostacolato le cose, la community non è mai stata realmente lanciata e ho avuto problemi con l'ottenimento di feedback da parte degli utenti beta.

Alla fine, ho deciso di eliminare il nome di dominio della comunità e di incorporare il Circolo sponsorizzato con n0tSEO.com. Non mi piace sprecare un duro lavoro, quindi preferirei unire i progetti invece di lasciarli andare (inoltre, i due siti Web erano sempre correlati).

Per quanto riguarda Google, come dice Philip Turner, "Google non è così stupido da suscitare piccoli fastidi. Hanno obiettivi più grandi da distruggere. Quando hanno PROVATO a distruggere MyBlogGuest è perché il sito era GRANDE e veniva abusato da molti utenti che stavano bloggando per collegamenti ottimizzati. "

Quindi Google e i suoi portavoce non sono sicuramente una buona scelta per una sfida, ma è stata significativa e divertente.

Inoltre, è stata un'opportunità per crescere come blogger e webmaster e per capire meglio la mia nicchia.

Come dice Ann Smarty:

Preferisco fingere che Google non esista: non sto giocando secondo le loro regole e non sto proattivamente cercando di classificarmi su Google. Penso che questo approccio sia molto più produttivo perché impari a vivere alle tue condizioni. Il mio consiglio a qualsiasi blogger o proprietario del sito Web è di iniziare a fare lo stesso.

Che è quello che faccio anche io, sfida a parte.

Il prossimo obiettivo per una sfida sarà una figura o un concetto minore nella nicchia, ma essere un blogger "con coraggio" ha fatto una tale differenza nella mia vita che non posso fermarmi qui. C'è molto di più che posso esprimere e più "divertimento" che posso fornire alla comunità.

E tu? Hai le "budella" per sfidare un concetto o una figura nella tua nicchia?

A proposito di Luana Spinetti

Luana Spinetti è una scrittrice e artista freelance con base in Italia e una studentessa di informatica. Ha conseguito un diploma di scuola superiore in psicologia e pedagogia e ha frequentato un corso annuale 3 in Comic Book Art, da cui si è laureata su 2008. Come una persona sfaccettata come lei, ha sviluppato un grande interesse per SEO / SEM e Web Marketing, con una particolare inclinazione ai Social Media, e sta lavorando a tre romanzi nella sua lingua madre (italiano), che spera di pubblicare indie presto.