Intervista agli esperti: Debbie Bookstaber su Come il buon sociale aiuta i blogger

Articolo scritto da:
  • Suggerimenti per il blog
  • Aggiornato: Dec 10, 2016

"Social Good" non è solo una parola chiave di tendenza nei social media. Secondo un articolo di 2013 su Market Tech Blog, "83% di americani desidera che i marchi supportino le cause e 41% di persone ha acquistato un prodotto da un'azienda perché sapeva che la società era associato a una causa."

Ciò significa che gli influencer possono utilizzare i loro blog e social media per aiutare non solo a promuovere una causa importante, ma anche a creare un riconoscimento del marchio.

Ho parlato con Debbie Bookstaber per saperne di più sul bene sociale nella blogosfera. Come il co-fondatore di Bloganthropy, la cui missione è connettere aziende e blogger al fine di rendere il mondo un posto migliore, è un'esperta di come il bene sociale aiuta marchi e blogger.

Debbie è anche presidente di Element Associates, direttore dei social media per la comunicazione di giochi per bambini, ed è stato nominato tra i "principali blogger 25 che stanno cambiando il mondo" su Babble.com.

Debbie, puoi darci una chiara definizione di "bene sociale" in riferimento ai social media e ai blog?

deve essere un bookmaker
Debbie Bookstaber, co-fondatrice di Bloganthropy

Poiché i blogger hanno influenza sui loro blog e social media, le persone li guardano per consigli e suggerimenti, come consigli per genitori, soluzioni di moda, consigli sui prodotti nella loro nicchia, ecc. Possono usare i social media per fare bene sociale, specialmente per i non locali -profitti o quelli che sono una misura naturale per il loro pubblico. Ci sono molti modi in cui possono usare la loro influenza per supportare ciò che realmente interessa.

Sono d'accordo! Trovo che funzioni meglio quando faccio del bene sociale che si adatta perfettamente al mio marchio. Sembra perfetto e i miei lettori lo apprezzano. Sono sicuro che più blogger sono interessati a collaborare per il bene sociale. In che modo i marchi collaborano con i blogger per promuovere il bene sociale?

I blogger dovrebbero capire che ci sono due tipi di promozione. Un tipo è causa di marketing, che è quando i marchi usano la loro influenza per sostenere una causa meritevole. Ad esempio, potresti vedere un marchio donare una parte delle loro vendite a una causa, come una cura per il cancro al seno, o una campagna che dice "il tuo clic su questo link nutre un bambino affamato". Perché il marketing accade quando i marchi si connettono una causa senza scopo di lucro per promuoverlo e, naturalmente, che li promuove come società che fa bene sociale.

Poi ci sono campagne che non hanno premi finanziari tradizionali per un'azienda. Ad esempio, l'Ad Council ha recentemente pubblicato un programma di sicurezza per i seggiolini per bambini con l'NHTSA per insegnare ai genitori come installare correttamente un seggiolino per bambini. Questa campagna non aveva motivi finanziari, era puramente un annuncio di servizio pubblico.

I blogger devono essere consapevoli di questa differenza, perché i marchi sono in grado di pagare i blogger durante una campagna di marketing di causa - e spesso lo fanno - mentre un PSA puro non verrà pagato. È semplicemente un'opportunità per spargere la voce sulla sicurezza e altre questioni pubbliche.

Detto questo, la linea può essere attraversata. Ad esempio, il non profit Keep America Beautiful ha fatto un PSA per educare i consumatori sul riciclaggio durante la Giornata della Terra. Johnson & Johnson ha sostenuto tale sforzo con una campagna a pagamento che ha reclutato blogger.

In che altro modo i blogger e gli influencer hanno contribuito a collaborare con i brand su queste cause?

Perché le campagne di marketing sponsorizzate tendono a ottenere un coinvolgimento maggiore rispetto ai post sponsorizzati convenzionali, il che è positivo sia per i blogger che per i marchi. Ad esempio, la campagna Red Nose di Walgreen è un buon esempio di marketing per cause. Per il marchio, ha raccolto fondi e ha dato loro una pubblicità significativa; per il blogger, ha dato loro un argomento più interessante di cui scrivere rispetto al tipico post di Walgreen e alle migliori visualizzazioni di pagina.

Per quanto riguarda le campagne senza scopo di lucro, possono trarre vantaggio da un blogger essendo utili per il loro pubblico di destinazione, ma possono anche classificare bene per il SEO se sono cronometrati con eventi correlati, come la campagna di Keep America Beautiful's Earth Day. Sono anche un buon modo per un blogger di ottenere contenuti che possono essere pre-scritti e ricchi di SEO per bilanciare i loro contenuti sponsorizzati. (I blogger devono guardare il loro rapporto post sponsorizzato e non sponsorizzato.)

Cosa rende un blogger una buona scelta per queste campagne, o la maggior parte delle marche funziona con qualsiasi blogger?

Mentre i PSA puramente non profit cercano di diffondere ovunque la parola, la verità è che essere un buon candidato sia per un PSA che per una campagna di marketing di causa è importante per generare un reale interesse per una causa. I blogger colpiti personalmente da questi problemi saranno più efficaci. Inoltre, se i PSA sono promossi da blogger con esperienza in quell'area, da questa interazione possono scaturire impegni a lungo termine e un coinvolgimento più serio.

Sì, migliore è la misura, più successo ha il post-like con qualsiasi campagna sponsorizzata! Quali sono gli elementi di una campagna di successo per il bene sociale?

Dipende dal messaggio che la marca o l'organizzazione no profit stanno cercando di trasmettere. Le campagne di successo avranno un forte invito all'azione. Avranno anche una buona storia, e, come ho già detto, è meglio se il blogger ha avuto un coinvolgimento personale con l'argomento o la causa. Inoltre, gli elementi facili da digerire per il lettore sono molto utili. Ready.gov ha recentemente lanciato una campagna PSA sulla preparazione alle catastrofi. La loro attenzione era rivolta alle persone che creavano un piano e creavano strumenti per questo. Avevano anche brevi video PSA (di solito sono lavori pro bono realizzati da aziende video) che durano 30-120 secondi per i lettori affamati di tempo.

Molte campagne rendono inoltre più semplice per i blogger fornendo tweet, infografiche e altri strumenti di social media con un clic. Element Associates crea pezzi scritti personalizzati per i blogger con HTML per incorporarli. Ciò ha anche creato una maggiore ottimizzazione dei motori di ricerca.

Adoro i tweet già pronti per il bene sociale! E i contenuti prefabbricati sono sempre utili. Esiste un punto di transizione in cui gli influencer passano dal volontariato al lavoro per la retribuzione, o ci sono campagne di influenza influenzate?

Sì! Trish Adkins era un blogger che faceva volontariato per molti anni con la Lemonade Stand Foundation per il cancro infantile di Alex. Sua figlia è una sopravvissuta al cancro, quindi questa è stata una carità importante per lei. Dopo molti anni di volontariato e il suo impegno di lunga data nella causa, è stata una scelta naturale per una posizione. È importante che i blogger sappiano che i migliori volontari con una partecipazione personale nella causa possono renderli perfetti per progetti a tempo pieno pagati o di consulenza o per campagne sostenute. Le organizzazioni non profit dovrebbero invitare questi blogger ad applicare [per] queste posizioni.

Personalmente, ho lavorato con organizzazioni non profit per molti anni, pro bono, quindi sono spesso chiamato a lavorare in modo professionale con le aziende che ho aiutato. Se vogliono lavorare per un no profit, i blogger dovrebbero impegnarsi con loro; quello è il primo posto che cercano di assumere.

Ho trovato questo anche vero. Uno dei miei regolari concerti di blogging è stato un risultato diretto della scrittura per il bene sociale, senza sponsorizzazione, e si adatta anche alla mia nicchia. Quali sono le cause principali del bene sociale che possiamo aspettarci di vedere di più?

In termini di ciò che sta accadendo in questo momento, Ellen Gerstein di Save the Children sta lavorando alla crisi dei rifugiati in Siria. Oltre a ciò, tutto ciò che riguarda la salute è una grande area per il non profit e causa coinvolgimento nel marketing, come lo sforzo di Missy Ward con Walk for Breast Cancer, Alex's Lemonade Stand e St. Jude's Hospital di Avon. Anche l'istruzione ora è grande, perché i genitori sono i migliori sostenitori per i loro figli nell'area del cancro e della malattia infantili. Altri argomenti popolari includono l'ambiente, come le campagne PSA sull'efficienza idrica per combattere l'attuale crisi di siccità in California.

Altre campagne vitali includono la lotta alla fame con Feeding America e Share Our Strength e organizzazioni di beneficenza di animali come Shelter Pets mentre ci dirigiamo verso l'inverno. Anche le cause dei blogger sono importanti. Katherine Stone ha iniziato il successo post-partum senza scopo di lucro in 2011 per aiutare altre mamme che soffrono di depressione postpartum, una condizione che ha avuto quando aiuta altre mamme a conquistare.

Grazie, Debbie, per i tuoi consigli e consigli! Spero che i blogger, dopo aver letto questo, considereranno qualsiasi campagna di social good a cui si avvicinino, siano PSA o che facciano marketing con i brand e assumano le cause che si adattano ai loro blog e alle loro passioni.

A proposito di Gina Badalaty

Gina Badalaty è proprietaria di Embracing Imperfect, un blog dedicato a incoraggiare e assistere le mamme di bambini con bisogni speciali e diete con restrizioni. Gina ha scritto blog su genitori, allevare figli con disabilità e vivere senza allergie per oltre 12 anni. È un blog di Mamavation.com e ha firmato per grandi marchi come Silk e Glutino. Lavora anche come copywriter e ambasciatrice del marchio. Adora dedicarsi ai social media, viaggiare e cucinare senza glutine.

Collegare: