Don't be A Zombie: Humanizing Content for the Living

Articolo scritto da: Mike Beauchamp
  • Suggerimenti per il blog
  • Aggiornato: ottobre 21, 2020

Conversazione e contesto, le due C prima del contenuto

Quando parli con qualcuno, il contesto spesso funge da terreno comune per iniziare il legame; online l'unica cosa che hai in comune di sicuro è che sei umano e condividi una situazione particolare.

Se qualcuno vuole sapere che voleva un prodotto particolare, avrebbe già cercato la rete per cercarlo.

Ma perché qualcuno dovrebbe comprare dalla tua azienda?

Perché dovrei trascorrere il mio tempo libero, che in genere è designato per intrattenere i video di YouTube con cui interagire i tuoi affari?

Le rocce di Denny al sociale

In poche parole, c'è questo gigantesco uomo di marketing in piedi su una roccia che grida enfaticamente: "Non ti diverti ?!"

No ... non lo sono, e nessuno dei due è il tuo mercato di riferimento.

Ecco perché, quel post potrebbe semplicemente non fornire alcun valore alla mia vita.

Quando AMC parla dell'ultimo episodio di Walking Dead, tendo a prestare attenzione. Quel tipo di fidanzamento ti fa invitare nel mio salotto a usare un'analogia con un commesso viaggiatore. Il ragazzo che si presenta alla mia "porta" cercando di vendermi integratori solo perché faccio Crossfit non ne ha idea; e sta fuori al freddo.

Cura i contenuti intorno al tuo target demografico con vera passione, non solo l'intenzione di vendere.

Se vuoi un esempio, dai un'occhiata al feed Instagram di REI. Per farla breve, buttano fuori alcuni dei paesaggi più belli del paese, il che mi dà una ragione molto più convincente per andare con lo zaino in spalla rispetto allo spam su una vendita sulle tende Kelty.

REI è fantastico su instagram

Le persone non acquistano prodotti, le persone acquistano versioni migliori di se stessi.

Screen Shot in 2014 09-23-8.58.15 PM

Per citare @jasonfried, "" Ecco cosa può fare il nostro prodotto "e" Ecco cosa puoi fare con il nostro prodotto "sembrano simili, ma sono approcci completamente diversi".

Blogger, i tuoi contenuti sono il tuo prodotto

Se sei un blogger, il tuo prodotto è il tuo contenuto

Creare il contesto appropriato per sfruttare la tua tribù è fondamentale per costruire una comunità attorno al tuo marchio. Come blogger devi usare le statistiche sui tuoi post precedenti per sapere cosa sarà probabile avere successo con il tuo pubblico.

Una delle più grandi strategie per risparmiare tempo è smettere di provare a programmare ogni aggiornamento in un momento specifico, provare a utilizzare Buffer per mantenere il flusso di lavoro ottimizzato e la distribuzione dei contenuti regolamentata. Lavorare in modo più intelligente nelle operazioni quotidiane ti consente di dedicare più tempo all'essere una persona e meno tempo al mantenimento della catena di distribuzione.

Lo adori o lo odi, la sequenza temporale di Facebook è qui per restare.

Devi renderlo il più espressivo possibile.

Se vuoi approfondire l'argomento clicca qui, ma fondamentalmente la tua presenza su Facebook deve essere uniforme e molto visiva al punto che sembra che il tuo sito web o il tuo blog siano tradotti in Facebookland.

Se i tuoi contenuti sono preparati per il pubblico, la parte difficile è quasi finita. Ovviamente tagging e back linking correttamente all'interno del tuo blog possono creare alcuni vantaggi SEO, ma ciò che alcuni blogger dimenticano è includere parole chiave nei tweet e nei post di Facebook. L'ottimizzazione dei motori di ricerca, di per sé, può aiutare a spingere la copertura organica all'interno dell'algoritmo EdgeRank di Facebook.

Ad esempio, se lo fossi Blogging riguardo al nuovo iPhone, c'è un bel po 'di confusione il giorno dell'annuncio, ma l'uso di un titolo accattivante che fa riferimento all'iPhone e qualcosa a che fare con l'enorme annuncio dell'album degli U2 potrebbe spingere i tuoi contenuti più organicamente che altrimenti.

Non stavamo solo parlando di un marchio come persona?

Sì, sì, lo eravamo. Le persone fanno le stesse cose in una conversazione senza nemmeno pensarci. Ricordi quelle foto di Instagram? Quando mostri le immagini alle persone in qualsiasi evento sociale o in qualsiasi conversazione, in genere tendi a curare quelli intorno a ciò che ritieni apprezzeranno.

Il contenuto e la condivisione sui social non sono diversi.

Spingere i tuoi contenuti non dovrebbe essere l'unica cosa che il tuo blog realizza, la tua tribù ha bisogno di un posto in cui connetterti e anche le cause di terze parti per unirsi intorno. The Chive è un famoso blog / sito americano che all'inizio non ha uno scopo apparente, tuttavia la tribù si unisce alla carità e agli atti casuali di gentilezza quasi come se quello fosse l'intento del sito per cominciare.

Ricapitoliamo

  1. Il contesto è importante quanto il contenuto quando si cerca di connettersi con le persone
  2. Essere umani significa prendersi cura di cose diverse dalla vendita di prodotti
  3. Fai sentire le persone bene, sulle loro scelte e sui tuoi contenuti
  4. Pianificazione, programma, programma, questo lascia il tempo di trattare con le persone
  5. Contenuto e prodotto possono essere la stessa cosa, è tutta una questione di prospettiva.
  6. Facebook può essere un problema, pagarlo e gestirlo correttamente
  7. Collegati! Utilizza i link per indirizzare gli utenti al resto dei tuoi contenuti come preferiscono
  8. Il SEO è tuo amico, usalo come se fossi una sfaticabile one-liner ad una festa
  9. Tagliare il disordine
  10. Unisci il tuo popolo

Se una di queste cose è un ripensamento nella produzione del tuo blog, probabilmente sperimenterai alcuni problemi di crescita. Chiediti perché a qualcun altro dovresti interessarti, prima di tutto e molto probabilmente riuscirai a rispondere a tutte le domande più importanti.

A proposito di Mike Beauchamp

Mike offre formazione sui social media e consulenza per i marchi e ha più di 7 anni di esperienza nel settore. Puoi metterti in contatto su Twitter per maggiori informazioni sui social media e sulla tecnologia, oltre a una buona conversazione. Assicurati di dire ciao!

Collegare: