Indicatori di 6 che il tuo post sulla blog idea potrebbe diventare virale

Aggiornato: 25 settembre 2017 / Articolo a cura di: Luana Spinetti

Inizia sempre con un'idea.

L'idea potrebbe venire da te da qualsiasi fonte, libro, blog, rivista o evento della vita.

E potenzialmente, qualsiasi idea che si adatti alla tua nicchia è buona, perché può essere qualcosa a cui i tuoi lettori si interessano. Sicuramente, qualsiasi idea può portare lettori e fan al tuo blog se la pubblicizzi bene. Tuttavia, quando si parla di viralità non si può smettere di avere una "buona idea". Perché diventi virale, la tua idea deve essere perfetto (non solo buono) per il tuo pubblico.

"Perfetto" qui significa che risuonerà così forte nella mente e nel cuore dei tuoi lettori che se ne andranno. Devo condividere questo DIRITTO. ADESSO.

È uno che può portare il cambiamento che stavo cercando! " È un "cambiamento" perché, prima di leggere il tuo post, i tuoi lettori non hanno mai veramente trovato le risposte che stavano cercando. Questo è quando il tuo post diventa virale - quando fa la differenza.

Questa guida è qui per aiutarti a scoprire se la tua idea di blog ha il potenziale per diventare virale e attirare più lettori e condivisioni, oltre ad alcuni suggerimenti per quando stai per premere il pulsante "Pubblica".

1. La tua idea risuona con il tuo pubblico?

Tu e il tuo pubblico siete sullo stesso libro?
Tu e il tuo pubblico siete sulla stessa pagina?

Questo è il primo aspetto che dovresti prendere in considerazione dopo aver ideato la tua idea. In altre parole, questa idea è qualcosa che il tuo pubblico vorrebbe leggere?

Infiammerà la curiosità?

Risponderà alle loro domande più pressanti? I tuoi dati di marketing possono aiutarti a decidere se questa è un'idea fattibile e qualcosa di interesse per il tuo pubblico.

Come Adam Connell, fondatore di Blogging Wizard, spiega, scrivere un post su argomenti che il tuo pubblico già conosce da un'altra pubblicazione è un ottimo modo per incoraggiare la viralità:

Ad esempio, c'è un argomento che potrebbe iniziare a fare tendenza dopo una menzione in una pubblicazione come TechCrunch o Mashable? Prova a pubblicare un post sul blog su quell'argomento in risposta a una pubblicazione di grandi dimensioni: se ottieni i tempi giusti, i risultati possono essere esplosivi.

I lettori vogliono seguire un blogger con una mente simile. Quando comprendi il tuo pubblico abbastanza bene da sentire che il tuo cervello lavora sulla stessa frequenza, è allora che le idee del tuo blog risuoneranno sempre con il tuo pubblico e ... diventeranno virali.

Pensa a come la tua idea verrà ricevuta dal tuo pubblico in base ai dati di ingaggio e conversione a tua disposizione e pianifichi di conseguenza il tuo post sul blog.

2. La tua idea risolve il problema di un lettore?

Il puzzle nella mente del tuo lettore
La tua idea può risolvere almeno alcuni dei puzzle nella mente del tuo lettore?

Pensaci: la tua idea offre una soluzione a un problema che sta affrontando una buona fetta del tuo pubblico?

O risponde anche alla domanda di un singolo lettore? Questo è importante perché il post sul blog che nascerà dalla tua idea diventerà virale se i tuoi lettori possono trovare risposte, soluzioni, conforto in esso. Il tuo post sarà qualcosa di cui non potranno fare a meno. Sarà come ottenere finalmente la prescrizione per comprare quel farmaco che trasforma la tua vita in meglio. Questo può anche significare chiedendo i lettori devono condividere le loro maggiori preoccupazioni e quindi creare un post sul blog che risponda, in stile domande e risposte.

Ad esempio, guarda questo post di Carol Tice dove risponde alle pressanti domande dei lettori e guarda i commenti e le condivisioni che ha ricevuto. Ha davvero creato una forte connessione con il suo pubblico.

Anche Neil Patel ha scritto il suo post Perché i siti sono in cima a Google quando non sono ottimizzati? come risposta alle domande dei lettori. Di seguito è riportato l'inizio del suo post:

Ti sei mai chiesto perché alcuni siti hanno un punteggio elevato su Google quando non sono ottimizzati per i motori di ricerca? O peggio ancora, quando hanno a malapena ritroso? Mi è stata posta questa domanda molto negli ultimi mesi, quindi ho pensato di scrivere un post sul blog spiegando perché succede.

Blogger e digital marketer Aurora Afable segue il suo pubblico da vicino e crea contenuti intorno ai loro problemi:

Prima di scrivere un post sul blog, mi assicuro che l'argomento sia qualcosa di cui le persone già parlano.

Devi conoscere il tuo pubblico. Determina dove va il tuo pubblico ogni volta che fanno domande. Vedrai i problemi di cui parlano. Cerca idee su come risolvere i loro problemi e integrare le tue soluzioni. Dopo aver pubblicato il tuo articolo, tutto ciò che devi fare ora è commercializzare i tuoi post [sulla] stessa piattaforma [dove] si trova il tuo pubblico.

Ancora una volta, il segreto sta nel conoscere il tuo pubblico a fondo. Più li conosci bene - e sondaggi, sondaggi, Domande e risposte, webinar e il tuo elenco sono tutti ottimi modi per farlo: più puoi rispondere alle loro esigenze con i tuoi post sul blog. Se aiuta, pensa a te stesso come a un consulente e al tuo pubblico come ai tuoi clienti. Vengono da te per trovare risposte e vivere meglio di prima che attraversassero la tua porta.

Qui puoi trovare ulteriori indicazioni ed esempi da guardare:

3. Ci sono studi e statistiche per supportare la tua idea?

In altre parole, la tua idea è solo un'opinione o puoi supportarla con studi e rapporti esistenti?

E quando ti è venuta questa idea, stavi scavando nella ricerca o era basata su qualcosa di cui sentivi di dover parlare? Mentre un'idea basata sulla ricerca potrebbe funzionare meglio per un blog di nicchia o aziendale, le idee basate su opinioni e sentimenti possono comunque ottenere trazione se le si supporta con la ricerca. Naturalmente, un semplice pezzo di opinione potrebbe funzionare, ma sarà difficile renderlo virale, perché sarà come un post di un blog personale - interessante, bello da leggere, ma con scarso valore di condivisione (a meno che tu non fossi Seth Godin).

I lettori di una nicchia vengono a chiedere informazioni: saranno comunque interessati alla tua opinione ma vogliono sapere se la tua opinione funziona, quindi se hai intenzione di creare un post intorno all'opinione, allora devi offrire esempi, case study e ricerche esistenti che hai utilizzato come base per produrre la tua idea o modello. In questo modo, può lavorare verso l'impegno e la viralità. Di recente ho scritto un post sul ciclo di vita di un post sul blog per WHSR, basato sul modello del ciclo di vita del prodotto Vernon.

Questo post era basato su un modello che avevo in mente per i miei post sul blog, ma non potevo semplicemente dire ai lettori WHSR su come il modello di Vernon mi ha ispirato e finirlo lì: ho supportato la mia idea con ricerche, statistiche, altri modelli del ciclo di vita, un analisi punto per punto del modello di Vernon e poi ho mostrato come si applicherebbe a un post sul blog. I lettori vogliono sapere che sei un'autorità nella tua nicchia. Vogliono sapere che puoi apportare un vero valore alla tabella. Che possano imparare da te e fidarti di te (vedi anche i miei precedenti punti in questo post). Più supporti il ​​tuo argomento con la ricerca e lo sviluppi, più fiducia guadagni dai blogger e saranno così entusiasti dei tuoi contenuti che li condivideranno.

Ecco alcune guide che potresti voler leggere per apprendere o migliorare le capacità di ricerca:

4. Puoi espandere la tua idea con interviste agli esperti?

La tua opinione, ricerca e opinione potrebbero non essere sufficienti a saziare la fame di conoscenza dei tuoi lettori.

Potrebbero voler saperne di più, sentire un'altra voce oltre alla tua. Questo è il momento in cui potresti voler intervistare esperti. Anche le interviste funzioneranno a tuo vantaggio. Avere citazioni di esperti nel tuo post aumenterà le possibilità che il tuo post venga letto e considerato attendibile come autorevole, condiviso e citato.

Quando coinvolgi altri, tutti i loro amici e le persone nelle loro reti saranno informati sulla loro persona preferita, amico o collega che viene intervistato, quindi non ti metti solo di fronte al tuo pubblico, ma anche loro pubblico e questo raddoppierà (o più) le tue possibilità di vedere il tuo post diventare virale. Questo perché molte persone lo condivideranno, apprezzeranno e forse commenteranno (e forse si iscriveranno).

Inoltre, potresti essere in grado di mettere il tuo blog di fronte agli influenzatori che hanno i tuoi esperti nella rete. È probabile che un esperto in qualsiasi nicchia o settore abbia almeno un influencer nella propria rete. Un influencer che è esposto al tuo post perché presenta una persona che conosce e di cui si fida molto probabilmente sarà interessato anche a te, perché sarai percepito come saggio nello scegliere il suo contatto come tuo esperto. Come fare le interviste?

Ecco alcune cose da leggere:

Inoltre, il post di Lori Soard Come trovare le persone intervistate e condurre un'intervista di esperti per il tuo blog è un'ottima lettura per iniziare.

A volte tutti gli esperti che devi trovare per il tuo post sono quelli che hanno commentato un post che ti piace prima di te. Clicca sui loro nomi, vai ai loro siti web e mettiti in contatto! Questo è anche un modo fantastico per costruire relazioni.

5. La tua idea copre interamente l'argomento per l'argomento?

La tua idea dovrebbe rispondere a una domanda, affrontare un problema o offrire una guida completa, ed è meglio che sia completa a meno che non faccia parte di una serie o non stai provando a costruire una comunità e i tuoi post si comportino come discussioni cosa fa Jeff Goins, ma aggiunge anche un commento che “non sono le parti forti che lasci fuori; sono i deboli ”).

Non frustrare le aspettative del lettore!

Se hai promesso una guida per passare da 0 agli abbonati 1,000 nei giorni 10, dovresti fornire tutti i passaggi e le tecniche di cui il tuo lettore avrà bisogno per ottenere mille abbonati in poco più di una settimana. Se salti passaggi importanti, strumenti e metodi, lascerai il tuo lettore frustrato e abbandoneranno rapidamente l'articolo. Lasciare le cose non è sicuramente una buona idea e soprattutto non una che aiuterà il tuo post a diventare virale. Naturalmente, vorrai lasciare i tuoi punti aperti abbastanza per la discussione. Il modo migliore per farlo non è quello di trattenere le informazioni, ma di rimuovere la peluria, di mantenere il tuo post sul punto e di porre domande ai tuoi lettori alla fine di ogni punto o alla fine del post.

6. Questa idea è qualcosa di cui ti piacerebbe leggere?

Ti piace l'idea del post sul blog?
"Oh mio Dio, mi piacerebbe leggere questo post del blog!" :)

E se tu fossi un visitatore inciampare nel tuo blog o in un lettore fedele che viene a vedere quale nuovo fantastico contenuto hai?

Se fossi in loro, cosa ti aspetteresti di leggere? Cosa ti piacerebbe davvero imparare dal tuo blog da mettere subito in pratica? Mettersi nei panni del lettore ti aiuterà a guardare la tua idea con nuovi occhi e visualizzare esattamente ciò che devi cambiare per trasformarlo in un post davvero memorabile. Ed evita tutte quelle idee che annoieranno o infastidiranno il lettore, o le faranno dire "non più le stesse vecchie cose!" o "e allora?" Quando pubblichi in una nicchia, vuoi che i tuoi lettori:

  1. Ci vediamo come la risorsa giusta per ottenere le informazioni di cui hanno bisogno
  2. Trova le informazioni che possono utilizzare e non solo intrattenerti nel loro tempo libero
  3. Senti che possono fidarsi delle informazioni che fornisci
  4. Senti che sei un amico a cui importa di loro e su chi possono contare

Un ottimo post che diventa virale contiene tutti questi quattro ingredienti, oltre al "Lo stavo cercando da così tanto tempo! Devo condividerlo! " sensazione.

3 Domande per valutare il tuo post prima della pubblicazione

1. Il tuo post evoca emozioni nei tuoi lettori beta?

È ovvio che, in questa fase, non puoi sapere cosa pensano i tuoi lettori del tuo post (o della tua idea), ma puoi coinvolgere un gruppo selezionato di amici o altri scrittori nella tua rete come lettori beta e farti sapere cosa pensano e cosa pensano del tuo post, se lo trovano completo, convincente e così via.

I lettori beta saranno il tuo primo pubblico, quindi quando scegli i lettori beta, dovrebbero essere il più vicino possibile al tuo pubblico reale in termini di interessi, dati demografici e background o esperienza. Vuoi davvero sapere se il tuo post evoca emozioni specifiche in loro, cioè le emozioni che vuoi trasmettere. Per continuare con l'esempio della domanda n. 5, se hai scritto una guida per passare da 0 a mille iscritti in 10 giorni, vuoi sapere se il tuo post li entusiasma per iniziare, li ispira ad agire subito (rispondendo attivamente a il CTA) e dà loro la spinta a lavorare sul loro obiettivo a lungo termine (10 giorni in questo esempio).

I tuoi lettori beta pensano che il tuo post sia i guida per fare qualcosa o i pezzo che cambia la vita, uno da non perdere? Questo è quello che vuoi sapere.

2. Il post evoca emozioni in te, lo scrittore?

Dopo aver finito di scrivere, prenditi una pausa e poi leggi il tuo post - dà tu emozioni?

Questo post è qualcosa che vuoi leggere sul tuo blog (vedi # 6 nell'elenco sopra)? Quando ti distacchi un po 'dal tuo post dopo aver scritto (almeno per qualche ora) e poi ci torni, leggi come se fossi un tuo lettore, indossi le loro scarpe - il post ti ispira ad agire? Ti spinge a fare qualcosa sull'argomento in questione? Ti fa sentire incoraggiato o ispirato? Ho notato che succede spesso con i miei post: dopo un po 'di tempo, quando ho un problema ma ho dimenticato la soluzione, torno al post che ho scritto e seguo i miei consigli. Quando la tua idea funziona e il tuo post funziona, funziona anche per te. Daniel Ndukwu, fondatore di The Experiment, riassume splendidamente:

Quando hai schiaffeggiato quel post per Dio sa quante ore e l'hai modificato e modificato alla perfezione e l'hai letto un'ultima volta e ti parla come scrittore, evoca emozioni in te anche se hai creato ogni singola parola sulla pagina. Questo è quando sai di avere un vincitore. Questo è quando sai di aver colpito l'oro.

3. Le fonti citate portano il potenziale di sensibilizzazione?

Puoi contattare gli esperti che hai citato (non intervistato) e le fonti citate nel tuo post?

Sono accessibili tramite e-mail, modulo di contatto o social media?

Se hai modo di informarli del tuo post dopo la pubblicazione, fallo. Non solo apprezzeranno il gesto, ma potrebbero anche condividere il tuo post con la loro rete o menzionarlo sui loro siti Web (non chiedere loro di farlo, tuttavia, soprattutto se sono persone impegnate).

Segui il mio e-mail di assistenza per i blogger qui a WHSR per modelli e idee e tecniche di sensibilizzazione.

E se la tua idea non soddisfa i "requisiti" per diventare virale?

Finora ho parlato delle domande da porsi per vedere se la tua idea ha il potenziale per diventare virale prima di trasformarla in un post sul blog e come assicurarti che il post sul blog stesso sia all'altezza di tale obiettivo. Ma ... cosa succede se segui questa guida e il risultato è che la tua idea non ha abbastanza potenziale? Hai due opzioni a questo punto:

  1. Vieni con una nuova idea e ricominciare tutto da capo
  2. Migliora la tua idea finché non soddisfa tutti i "requisiti"

Tendo a preferire il secondo. La verità è che ogni idea può essere ottimizzata per raggiungere il potenziale virale:

  • Puoi espanderlo se è troppo stretto
  • Puoi restringerlo se è troppo ampio
  • Lo rendi basato sull'esperienza se è troppo generico
  • Puoi renderlo orientato alla nicchia se è fuori tema

L'elenco potrebbe continuare all'infinito. Il modo migliore per lavorare sulla tua idea è trasformarlo in un titolo e migliorare questo titolo fino a renderlo irresistibile. A tale proposito, ti consiglio di leggere il post di Carol Tice Guardami Scrivere un titolo che diventa virale dove ti guida attraverso i passaggi per ottimizzare un titolo / idea in uno che diventerà sicuramente virale, e ti mostra il suo processo di pensiero mentre ci lavora. Un altro esempio è il post che stai leggendo: la mia prima idea è stata di rispondere alla domanda "come posso sapere se la mia idea può diventare virale?" tramite una serie di risorse e citazioni di esperti, ma poi ho capito che sarebbe stato l'ennesimo post di riepilogo e avrebbe offeso il lettore che veniva a cercare una risposta al loro problema urgente. Ho lavorato alla mia idea fino a quando non ho pensato alle sei domande che ho posto me quando scrivo per WHSR o per i miei blog, ho modificato il mio titolo e ... beh, stai leggendo i risultati di quella decisione!

Riassumendo ...

L'idea di un post sul blog può diventare virale quando:

  • Risuona con il lettore
  • Risponde ai problemi più urgenti del lettore
  • Puoi supportarlo con la ricerca
  • Può essere ampliato con il contributo di esperti
  • Ispira fiducia, è coinvolgente e trasmette autorità
  • Copre tutto ciò che significa trasmettere
  • È qualcosa che ti piacerebbe leggere te stesso
  • Fa la differenza nella vita del tuo lettore

Ecco come David Leonhardt, presidente di Scrittori THGM, lo mette:

Per la maggior parte, penso che un post sul blog abbia bisogno di tre caratteristiche per diventare virale: 1. Originalità. Se è già stato fatto in passato, non è probabile che attiri molta attenzione. 2. Un argomento di profondo interesse per il proprio pubblico. Molte cose interessano, ma alcune scavano abbastanza in profondità. Il mio post su rischi per la salute affrontati da scrittori e blogger ne è un esempio: una preoccupazione universale. 3. Copertura completa.

L'argomento deve essere trattato completamente e in profondità, non solo toccato con un pennello leggero. In alcuni casi, questo aspetto può anche contare per l'originalità: l'argomento potrebbe essere stato trattato prima da centinaia di altri blogger, ma mai prima d'ora in modo così approfondito. Non tutti i post che scrivo avranno queste tre caratteristiche e provare a vincere un jackpot ogni volta sarebbe molto impegnativo e richiederebbe tempo. Ma vale la pena provarlo ogni tanto.

Ultimo ma non meno importante, avere un'idea "perfetta" e creare un post sul blog che diventi virale non è senza rischi, quindi il post di Jeff Deutsch Come andare virali (e non rimpiangere) su Inbound.org è una lettura obbligata per evitare le insidie ​​più pericolose.

A proposito di Luana Spinetti

Luana Spinetti è una scrittrice e artista freelance con base in Italia e una studentessa di informatica. Ha conseguito un diploma di scuola superiore in psicologia e pedagogia e ha frequentato un corso annuale 3 in Comic Book Art, da cui si è laureata su 2008. Come una persona sfaccettata come lei, ha sviluppato un grande interesse per SEO / SEM e Web Marketing, con una particolare inclinazione ai Social Media, e sta lavorando a tre romanzi nella sua lingua madre (italiano), che spera di pubblicare indie presto.